Aggiornato alle: 00:32

Clizia Incorvaia rompe il silenzio sul tradimento “C’eravamo già lasciati”

di Redazione

» Gossip » Clizia Incorvaia rompe il silenzio sul tradimento “C’eravamo già lasciati”

Clizia Incorvaia rompe il silenzio sul tradimento “C’eravamo già lasciati”

| giovedì 18 Luglio 2019 - 10:17
Clizia Incorvaia rompe il silenzio sul tradimento “C’eravamo già lasciati”

Clizia Incorvaia rompe il silenzio sul presunto tradimento al marito, Francesco Sarcina, con Riccardo Scamarcio. Dopo l’intervista del frontman delle Vibrazioni al Corriere della sera, nella quale raccontava la scappatella della moglie con l’attore e amico, nonché testimone di nozze, l’influencer dà la sua versione dei fatti.

Clizia Incorvaia rompe il silenzio “C’eravamo già lasciati”

“Vivo una gogna mediatica: ricevo immagini e insulti raccapriccianti, un tizio mi ha mandato la foto del suo membro con scritto ‘stai con me’ – racconta Clizia allo stesso Corriere delle Sera – mi hanno augurato di bruciare all’inferno. Ho dovuto fare denunce alla polizia postale. Davanti a tanta tristezza, mi sono detta: devo insegnare questo a mia figlia Nina? Mi sono risposta che, invece, le insegnerò ad amare e rispettare gli altri e andrò a testa alta fra i frustrati che sfogano il malessere in una caccia alla strega, sparando a zero non sapendo la verità”.

Verità che, spiega l’influencer, “ha raccontato anche Sarcina ma nessuno ci bada”. “Io e lui ci eravamo già lasciati – spiega la donna -. Io specifico meglio le date: il 16 novembre avevamo firmato il ricorso per una separazione consensuale, avviata a settembre. Di quanto è successo dopo non sono tenuta a render conto. Ma posso dire che ero uscita di casa il 13 novembre e, due giorni dopo, torno a prendere dei vestiti e lo trovo in cucina con una tipa”. “Ho un video che non userò. Quest’uomo così ferito e innamorato parla di un’infedeltà che non c’è, in quanto eravamo separati. Lui sbaglia a coinvolgere terze persone e io non ne coinvolgerò altre” scandisce Incorvaia.

Sull’influencer, che inizialmente non ha voluto rilasciare dichiarazioni, si è abbattuta una pioggia di insulti. Lo stesso per Riccardo Scamarcio, che finora su questa storia non si è pronunciato. Clizia, però, qualche giorno fa aveva pubblicato un post in cui negava il tradimento. Post che subito dopo è stato modificato, omettendo la parte relativa all’attore.

Nella sua intervista, Clizia Incorvaia, alla domanda se è stata con Scamarcio per ripicca, risponde: “Quello che è successo oppure no è la mia vita privata. Nessuno chiede a Sarcina delle sue situazioni in giro per l’Italia, in ristoranti con donne sempre diverse di cui mi arrivavano notizie e foto – precisa -. Io non racconto cosa faceva lui, ma durante il matrimonio io sono stata monogama. E prevengo la domanda successiva: ora, non sto con Scamarcio né con altri“.

Sembra quindi che anche il marito ferito non fosse proprio inappuntabile. “Lui si faceva la sua vita da prima – spiega ancora – io l’ho lasciato perché ho passato gli ultimi due anni da sola. Lui fa due mesi di tour, poi potrebbe stare a casa, invece è sempre fuori fino all’alba o a Milano. A far cosa non lo so, ma ho sempre creduto alla sua sincerità”.

Quando ha letto l’intervista del marito ammette di aver pianto. “Ho pianto. Proprio lui, che disprezza il gossip e mi addita per la mia vita social con cui mi guadagno l’indipendenza, ha usato il gossip, per amor proprio o per vendere il prossimo singolo, esponendoci al disprezzo, dimenticandosi di proteggere la figlia. Però – sottolinea – voglio considerarlo sempre il padre splendido che è stato e, da principessa guerriera, combattere e salvarmi da sola. Eppure, avevo provato a resistere: a febbraio, ci ero tornata per amore della famiglia.

In merito, infine, al tradimento con Scamarcio, rispondendo alla domanda se si è pentita di averlo confessato al marito, Incorvaia replica: “Non rispondo perché non dico neanche se con lui qualcosa c’è stato o no”.

Adesso, Clizia è pronta a voltare pagina. “Ho sperato che ci lasciassimo con un abbraccio, ma valuteremo con gli avvocati – fa sapere -. Spero di uscirne ancora convinta che esistano uomini che ti fanno sognare e che mia figlia sarà rispettata dal suo compagno”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it