Aggiornato alle: 23:39

Striscia la notizia, consegnato tapiro d’oro a Jovanotti

di Redazione

» TV » Striscia la notizia, consegnato tapiro d’oro a Jovanotti

Striscia la notizia, consegnato tapiro d’oro a Jovanotti

| venerdì 01 Novembre 2019 - 16:07
Striscia la notizia, consegnato tapiro d’oro a Jovanotti

Striscia la notizia colpisce implacabilmente. Questa volta è toccato a Jovanotti. L’inviato del programma satirico,Valerio Staffelli ha consegnato la famosa statuetta del Tapiro d’oro proprio a Lorenzo Jovanotti.

Striscia la notizia, consegnato tapiro d’oro a Jovanotti

Il cantante, nei mesi scorsi, è stato molto al centro dei riflettori a causa del suo tour. Il Jova Beach Party, infatti, ha sollevato numerose polemiche da parte degli ambientalisti, ma non è stato questo il motivo della consegna.

Secondo quanto emerso, infatti, l’immagine di Jovanotti, accompagnata da false dichiarazioni, è stata utilizzata senza il suo consenso e pubblicata online per invogliare l’acquisto di bitcoin. Questa truffa gli è valsa un bel tapiro d’oro.

Secondo alcuni articoli su testate nazionali e banner pubblicitari online, infatti, il cantante starebbe accumulando una fortuna grazie a investimenti legati a criptovalute.

L’artista, raggiunto dall’inviato di Striscia, dichiara: “È una truffa. Dopo che ho letto queste cose mi sono pure dovuto informare, non sapevo bene cosa fossero i bitcoin. Non solo è una cosa falsa, è anche pericolosa. Ho chiamato i miei avvocati, ma è difficilissimo rintracciare chi ci sia dietro a queste operazioni”.

A quanto pare, quindi, Jovanotti era totalmente all’oscuro di tutto, addirittura non sapeva neanche cosa fossero i bitcoin. Il cantante è rimasto coinvolto in una truffa bella e buona a danno di molti malcapitati.

Jovanotti è entrato poi un po’ più nello specifico. “Cosa fanno? Utilizzano le immagini di personaggi popolari, per esempio una in cui mi affiancano a Barbara d’Urso, e costruiscono notizie che invogliano a cliccare su banner falsi. Così facendo rubano i dati, che finiscono nelle mani di persone dedite alle truffe online. Mi dispiace, ma non posso farci niente: forse una controllata in più dovrebbero anche darla i grandi siti che hanno pubblicato le inserzioni fasulle, ne va della loro credibilità”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it