Aggiornato alle: 12:08

Muro Messico: Trump chiede primo mld di dollari |Immigrazione: taglio di fondi alle città ‘santuario’

di Redazione

» Esteri » Muro Messico: Trump chiede primo mld di dollari |Immigrazione: taglio di fondi alle città ‘santuario’

Muro Messico: Trump chiede primo mld di dollari |Immigrazione: taglio di fondi alle città ‘santuario’

| martedì 28 Marzo 2017 - 07:21
Muro Messico: Trump chiede primo mld di dollari |Immigrazione: taglio di fondi alle città ‘santuario’

Nuovo affondo di Donald Trump contro l’immigrazione e le politiche che, a suo dire, la favorirebbero. L’attorney general, Jeff Sessions, ha annunciato che gli Stati federali e le “città santuario” che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull’immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali.

Tra queste metropoli ci sono San Francisco, New York, ma anche lo Stato della California. “Le leggi sull’immigrazione mantengono i cittadini sicuri. Non possiamo proteggere i criminali“, ha detto proprio Sessions.

A rischio ci sono fondi per 4 milardi di dollari per il 2017, che potrebbero compromettere il funzionamento di molte aree metropolitane non solo nel settore dei servizi sociali.

Si sa che Trump, tra i punti principale del suo mandato, ha proprio quello della lotta all’immigrazione e che nulla potrà fermarlo.

Le città, come ovvio, non ci stanno e così pochi giorni fa, a New York, il sindaco, Bill de Blasio, aveva denunciato come i tagli previsti nel bilancio presentato dalla Casa Bianca penalizzino la Grande Mela fino a ridurre anche i fondi per la sicurezza e la lotta al terrorismo.

L’amministrazione Trump ha inoltre chiesto, formalmente, un miliardo di dollari di budget supplementare per finanziare la costruzione dei primi 99,7 chilometri di muro al confine con il Messico. La cifra servirà per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine già esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo. La richiesta è contenuta in un documento del dipartimento per la Sicurezza nazionale.

Intanto però, alla luce del flop dell’Obamacare e dei problemi che stanno nascendo all’interno dei repubblicani, Trump cerca di ‘ammorbidirsi’ nei confronti dei democratici. È lo stesso portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, nel suo briefing quotidiano, ad annunciare le intenzioni di Donald Trump di lavorare anche con loro.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it