Aggiornato alle: 14:24

L’Italia vince e convince anche in Norvegia. Zaza e Bonucci a segno per il 2-0 finale

di Emanuele Termini

» Sport » L’Italia vince e convince anche in Norvegia. Zaza e Bonucci a segno per il 2-0 finale

L’Italia vince e convince anche in Norvegia. Zaza e Bonucci a segno per il 2-0 finale

| martedì 09 Settembre 2014 - 22:38
L’Italia vince e convince anche in Norvegia. Zaza e Bonucci a segno per il 2-0 finale

Inizia nel migliore dei modi l’avventura della Nazionale di Antonio Conte nel girone di qualificazione ad Euro 2016. Ad Oslo successo meritato per l’Italia che ha avuto la meglio sulla Norvegia con il risultato di 2-0.

Allo “Ullevaal Stadium” nessuna novità negli schieramenti titolari rispetto alle indiscrezioni circolate nella vigilia. I padroni di casa toccano il primo pallone dando subito la sensazione di volere imprimere alla gara ritmi alti e grande intesità. L’Italia raccoglie la sfida e dopo qualche minuto di rodaggio, inizia a spingere alla ricerca delle prime occasioni da gol.

Il primo squillo dell’incontro è di marca azurra: al 16′ Bonucci “trova” De Sciglio con un lancio dalla lunga distanza, il milanista serve Zaza che raccoglie e batte Nyland con la complicità di Nordtveit che devia in rete. La Norvegia prova a salire in cattedra con un maggiore possesso palla e con qualche sortita offensiva di King, ma sono sempre gli azzurri i più pericolsi con le fulminee ripartenze di Giaccherini e De Sciglio.

Al ritorno in campo dopo l’intervallo, il tecnico norvegese Per-Mathias Høgmo opta per la prima sostituzione mandando in campo Elyounoussi al posto di Nielsen. La formazione scandinava ci mette il cuore per ribaltare le sorti della gara, ma il divario tecnico con gli avversari è a tratti incolmabile. Al 62′ il cinismo degli azzurri ha nuovamente la meglio sulla caparbietà degli avversari: Pasqual, entrato in campo appena un minuto prima, pennella un cross di ottima fattura per l’accorrente Bonucci che di testa non sbaglia trasformando la rete del 2-0.

I biancorossi operano altri due cambi senza però variare il copione di un incontro praticamente a senso unico. Al 77′ uno straripante Zaza colpisce la traversa con un tracciante micidiale che pietrifica Nyland. Dopo quattro minuti è nuovamente il numero 7 dell’Italia a sfiorare la seconda rete al termine di una pregevole azione personale che culmina in un pallonetto savato da Forren sulla linea. Nel finale solite schermaglie da ultimi minuti di gara, poi il triplice fischio che regala all’Italia la seconda vittoria consecutiva ed un’ulteriore conferma della bontà del lavoro di Antonio Conte.

“È stata una grande liberazione, non era semplice vincere qui, era da tantissimo che non lo facevamo (77 anni, ndr). In pochi giorni abbiamo fatto subito cose importanti, ora miglioreremo il gioco e ci conosceremo di più – dichiara il ct nel postpartita – Buffon non ha sporcato i guanti, potevamo fare anche più gol. Non sarà facile per le altre fare tre punti qui”.

Ma è solo un punto di partenza, perchè c’è ancora molto su cui lavorare: “I ragazzi hanno voglia di applicare la mia idea di calcio. A volte ce l’hanno fatto bene, a volte meno. Ma mi è piaciuta l’inclinazione a far partire il gioco palla a terra da dietro – ammette Conte – Abbiamo fatto tutti i giorni allenamenti doppi, perciò i margini di miglioramento ci sono. Siamo partiti con 7/11 diversi da quelli che hanno giocato il Mondiale, dateci tempo”.

Negli altri incontri del girone H importante affermazione per la Bulgaria in casa dell’Azerbaigian con il punteggio di 2-1. In vantaggio gli ospiti al 14′ con Micanski, poi il pari di Nazarov al 54′ che illude il pubblico di casa. Allo scadere acuto vincente per Hristov che realizza all’88’. In Croazia due reti nel secondo tempo di Modric e Kramaric regalano la vittoria ai padroni di casa nel confronto con la formazione maltese.

Risultato a sorpresa nel girone A tra Repubblica Ceca ed Olanda. La Nazionale di Van Persie e Snejder è crollata nel finale dopo essere riuscita ad agguantare il pareggio con una rete di De Vrij, ma un acuto al 91′ di Pilar ha costretto la formazione “orange” alla seconda battuta d’arresto dopo quella rimediata contro l’Italia. Sempre nel girone A pari per 0-0 tra Kazakhstan e Lettonia, mentre l’Islanda ha avuto la meglio sui turchi con un pesante 3-0.

Il gruppo B non ha riservato sorprese con le vittorie del Galles su Andorra per 1-2 (decisivo Bale) e di Cipro sulla Bosnia ed Herzegovina sempre per 1-2. Rinviata Israele-Belgio al 31 marzo per ragioni di pubblica sicurezza.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it