Caso Prati-Caltagirone, il bimbo che dovevano adottare è stato usato

di Redazione

» Gossip » Caso Prati-Caltagirone, il bimbo che dovevano adottare è stato usato

Caso Prati-Caltagirone, il bimbo che dovevano adottare è stato usato

| mercoledì 29 Maggio 2019 - 11:05
Caso Prati-Caltagirone, il bimbo che dovevano adottare è stato usato

Si continua a parlare di quello che è diventato un vero a proprio caso Prati-Caltagirone. Al centro della bufera, dopo il matrimonio saltato e le rivelazioni che confermano l’inesistenza di Mark Caltagirone, anche la questione dei figli.

Caso Prati-Caltagirone, il bimbo che dovevano adottare è stato usato

I due avrebbero dovuto adottare anche dei bambini. Uno di loro è Sebastian. Barbara D’Urso, però, nello studio di “Pomeriggio Cinque” anticipa la prossima puntata del serale di “Live – Non è la D’Urso”. “Domani ci sarà la mamma del piccolo Sebastian, che non si chiama così ed è stato usato”, ha spiegato la conduttrice.

Barbara D’Urso aggiunge anche che la mamma del piccolo ha scritto alla redazione per essere presente al programma e raccontare la verità sul bambino.

Sebastian è uno dei bimbi che Pamela Prati e Mark Caltagirone, il fidanzato che ormai è accertato non esista, avrebbero dovuto adottare. Il bimbo è stato mostrato anche in tv ma la mamma vuole spiegare che si tratta di suo figlio e non c’entra nulla con la presunta adozione: la sua identità non sarà comunque rivelata per proteggerne la privacy.

Mark Caltagirone non esiste

Pamela Prati, ospite di Silvia Toffanin a “Verissimo, racconta la storia con l’uomo inesistente. La sua relazione con Mark Caltagirone, infatti, è stata soprattutto virtuale. La showgirl avrebbe conosciuto il suo sposo soltanto il giorno delle nozze. Il matrimonio, però è saltato e da allora sono fioccate le polemiche.

“Io spero ancora che Mark Caltagirone esista in qualche parte del mondo, mi manca tantissimo, mi mancano i suoi messaggi”. Dice così Pamela Prati a “Verissimo”.

La showgirl inizia l’intervista consapevole di questo: “Non esiste, lo ho capito in questi giorni – racconta – Fino all’ultimo ci ho creduto veramente. Mi era stata proposta la fiaba, l’uomo ideale, la famiglia che ho sempre desiderato”, spiega Pamela Prati. Che poi aggiunge, quasi in lacrime: “Avevo bisogno di quell’amore in un momento di fragilità”. La donna si definisce “spaventata” perché non sa “cosa ci sia dietro” al presunto raggiro.

Foto frame dalla puntata.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820