Aggiornato alle: 18:49

Torna a casa e scopre che la sua bambina è un maschietto | Singolare caso di scambio di neonati nel Leccese

di Francesco Reina

» Cronaca » Torna a casa e scopre che la sua bambina è un maschietto | Singolare caso di scambio di neonati nel Leccese

Torna a casa e scopre che la sua bambina è un maschietto | Singolare caso di scambio di neonati nel Leccese

| lunedì 13 Gennaio 2014 - 17:03
Torna a casa e scopre che la sua bambina è un maschietto | Singolare caso di scambio di neonati nel Leccese

Una vicenda singolare quella avvenuta all’ospedale Santa Caterina Novella di Galatina, in provincia di Lecce: una donna ha partorito una bambina ma, al ritorno a casa, durante il primo cambio di pannolino, ha scoperto che quello che aveva davanti era in realtà un maschio.

Dopo aver contattato l’ospedale si è chiarito l’equivoco e i rispettivi neonati sono stati affidati ai reali genitori. La madre della bambina ha comunque denunciato e chiesto un risarcimento di 50 mila euro all’Asl in quanto, a causa dello choc subito, avrebbe perso il latte naturale.

“L’errore è sempre in agguato, una doppia distrazione, un momento di confusione e accade quello che è accaduto a Galatina. Un evento mai successo prima. Ci siamo scusati con i genitori, stiamo esaminando dove ci siamo impigliati e porremo rimedio” ha dichiarato Valdo Mellone, direttore generale dell’Asl di Lecce. “Non siamo riusciti ad individuare – prosegue – qual è il momento che ha fatto saltare le procedure. Tutti e due i neonati, la femminuccia e il maschietto, secondo quanto abbiamo potuto appurare finora, avevano i braccialetti esatti”.

Francesca Conte, il legale della famiglia, ha riferito: “Per ora ho scritto una lettera alla Asl per una richiesta di risarcimento extragiudiziale di 50 mila euro. La cosa drammatica è pensare che se al posto di un maschietto le avessero dato invece una femminuccia, non si sarebbe mai accorta dello scambio, finendo così col crescere la figlia di un’altra donna”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820