Aggiornato alle: 17:04

Vitalizi d’oro ai condannati per mafia | Nuti (M5S): “Il Governo è complice”

di Redazione

» Politica » Vitalizi d’oro ai condannati per mafia | Nuti (M5S): “Il Governo è complice”

Vitalizi d’oro ai condannati per mafia | Nuti (M5S): “Il Governo è complice”

| sabato 31 Maggio 2014 - 18:10
Vitalizi d’oro ai condannati per mafia | Nuti (M5S): “Il Governo è complice”

Continua la guerra sui vitalizi d’oro agli ex deputati condannati per mafia. “Governo nazionale complice del sistema mafioso”. E’ l’attacco del presidente del gruppo parlamentare alla Camera del Movimento 5 Stelle, il palermitano Riccardo Nuti, dopo la presentazione di una interpellanza urgente a Montecitorio.

Il deputato voleva sapere dal governo chi sono i soggetti condannati per reati di mafia che attualmente beneficiano del vitalizio e se fosse intenzione del governo fare qualcosa per bloccare queste erogazioni, modificando l’attuale normativa (la legge del 7 dicembre 2012) che prevede che le Regioni sospendano l’erogazione dei vitalizi solo per coloro che sono stati condannati in via definitiva per delitti contro la pubblica amministrazione.

“La risposta che ci è stata data – afferma Nuti – è a dir poco vergognosa. Lo Stato non conoscerebbe chi sono questi soggetti perché ad erogare i vitalizi sono le Regioni, come se non bastasse chiederlo per scoprilo. Basterebbe poi incrociare questi dati con quelli del ministero della Giustizia per capire chi, tra i beneficiari, è stato condannato anche per mafia. La verità è che il governo in questa direzione non vuole fare assolutamente nulla. Del resto ce lo ha anche detto, visto che alla nostra domanda se avesse intenzione di modificare la normativa vigente, inserendo nella cause di esclusione del vitalizio i condannati per reati di mafia, ha risposto che la cosa è all’attenzione del governo. Un modo poco elegante per non dire nulla, quando avrebbe dovuto, per chiarezza, esprimersi soltanto con un semplice si o no”.

Lo stop ai vitalizi per i condannati di mafia è stato motivo di un durissimo scontro consumatori due giorni fa all’Ars. A sala d’Ercole, un emendamento del Movimento 5 Stelle, che mirava a bloccare i vitalizi è stato bocciato. I grillini hanno pertanto chiesto le dimissioni del presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone.

La questione era arrivata in aula preceduta dalle polemiche che erano seguite alla notizia dell’erogazione del vitalizio all’ex presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro, condannato per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra.

Per stoppare i vitalizi per i condannati per mafia il Movimento 5 stelle ha presentato alla Camera anche un disegno di legge (che estende l’esclusione dal vitalizio ai condannati per reati di mafia) e una risoluzione in commissione.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it