Burundi, le missionarie italiane uccise sono tre | Tutte violentate, una è stata decapitata

di Redazione

» Esteri » Burundi, le missionarie italiane uccise sono tre | Tutte violentate, una è stata decapitata

Burundi, le missionarie italiane uccise sono tre | Tutte violentate, una è stata decapitata

| lunedì 08 Settembre 2014 - 07:35
Burundi, le missionarie italiane uccise sono tre | Tutte violentate, una è stata decapitata

Le suore missionarie italiane uccise in Burundi, nel loro convento in località Kamenge, sono tre: le due saveriane, suor Lucia Pulici e suor Olga Raschietti, sono state vittime di un tentativo di rapina finito in tragedia insieme a una terza consorella, Bernardetta Boggia, trovata decapitata. A confermare la tragedia è stata la Diocesi di Parma, a cui appartenevano le missionarie: le circostanze esatte dell’accaduto sono ancora oscure.

Godefroid Bizimana, vice direttore generale della polizia del Burundi, citato dall’agenzia Afp, ha dichiarato che “l’assassino ha sgozzato le suore e si è accanito su una di esse a colpi di pietra. Dopo le prime indagini, il furto non sembra essere all’origine del delitto. Stiamo cercando l’assassino, che comunque è stato identificato”.

Le due missionarie operavano presso un centro giovani fondato appunto dai Padri saveriani per promuovere la convivenza tra etnie diverse: suor Lucia e suor Olga ormai da anni avevano scelto la vita da missionarie dedicata all’Africa. Un uomo, forse uno squilibrato, si sarebbe introdotto nel convento per rubare qualcosa e alla fine avrebbe ucciso le due suore italiane.

> CHI ERANO LE TRE SUORE MISSIONARIE UCCISE IN BURUNDI

“L’uccisione di suor Lucia Pulici e suor Olga Raschietti nel loro convento di Kamenge è un grande dolore”, annuncia il ministro degli Esteri Federica Mogherini “A nome mio e del governo vorrei porgere le più sentite condoglianze alle famiglie e all’ordine delle Missionarie di Maria Saveriane. Il governo ha assicurato che farà chiarezza su quanto accaduto. Il Burundi è un paese al centro di grossi conflitti e negli ultimi anni è stato interessato da conflitti molto violenti. “Attendiamo ora che le autorità del Burundi chiariscano quanto accaduto”, ha assicurato a Mogherini”Ci adopereremo per riportare in Italia quanto prima le salme delle due religiose”.

Papa Francesco si è detto “profondamente colpito dalla morte delle tre suore saveriane” e auspica che “il loro sangue diventi seme di speranza per costruire autentica fraternità tra i popoli”.

Leggi anche:

> Camerun, rapiti due preti italiani | Forse un attacco di Boko Haram

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820