Aggiornato alle: 16:15

L’Fmi taglia le stime sull’Italia | Pessimismo sulla crescita dell’economia

di Redazione

» Economia » L’Fmi taglia le stime sull’Italia | Pessimismo sulla crescita dell’economia

L’Fmi taglia le stime sull’Italia | Pessimismo sulla crescita dell’economia

| giovedì 18 Settembre 2014 - 18:51
L’Fmi taglia le stime sull’Italia | Pessimismo sulla crescita dell’economia

L’Ocse non è l’unica organizzazione a vedere negativamente il futuro dell’economia italiana. Anche il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso le stime sul Pil italiano nel 2014, indicando una contrazione dello o,1% Per il 2015 invece sarebbe un’accelerazione all’1,1%.

“I rischi restano ancorati al ribasso”, secondo gli economisti del Fondo, citando le “tensioni geopolitiche, la possibilità di una stagnazione e a una bassa inflazione”. Secondo l’Fmi la crescita è destinata a rimanere attorno all’1% per tutto il 2019: le stime sono infatti per un +1,3% nel 2016, un +1,2% nel 2017, un +1% nel 2018 e un +1% nel 2019.

L’istituto di Christine Lagarde sostiene che “ottenere risparmi significativi sarebbe difficile senza intervenire sulla grande spesa pensionistica. La spesa italiana per le pensioni è la più alta d’Europa, pari a circa il 30% del totale” mentre per l’istruzione e altre spese sociali non-pensionistiche l’esborso è molto limitato.

L’Fmi comunque approva il Jobs Act. Secondo gli esperti, la riforma del mercato del lavoro è uno dei “fondamentali” dell’agenda Renzi. C’è l’invito ad “andare avanti anche nella lotta alla corruzione”, che nel settore pubblico resta un serio problema in Italia.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it