Aggiornato alle: 14:20

Voli militari russi nello spazio aereo europeo | La Nato: “Sono un rischio per l’aviazione civile”

di Redazione

» Esteri » Voli militari russi nello spazio aereo europeo | La Nato: “Sono un rischio per l’aviazione civile”

Voli militari russi nello spazio aereo europeo | La Nato: “Sono un rischio per l’aviazione civile”

| mercoledì 29 Ottobre 2014 - 20:05
Voli militari russi nello spazio aereo europeo | La Nato: “Sono un rischio per l’aviazione civile”

La Nato ha rilevato “una significativa attività militare aerea russa nello spazio aereo europeo su Mar Baltico, Mar Nero, Mare del Nord e Oceano Atlantico che rappresentano un livello insolito di attività aerea sui cieli europei”. È quanto si legge in una nota della Nato.

Sono almeno 26 i voli militari russi intercettati dalla Nato e, secondo l’Alleanza, molti di essi “pongono rischi all’aviazione civile perché non hanno piani di volo o non usano trasponder, quindi il controllo aereo civile non può vederli né assicurare che non interferiscano con i voli civili”.

La Nato ha “rilevato e monitorato quattro gruppi di aerei militari russi”, si legge nel comunicato, “mentre conducevano manovre militari significative nello spazio aereo europeo su Mar Baltico, Mare del Nord/Oceano Atlantico e Mar Nero il 28 e 29 ottobre 2014. Otto aerei russi sono stati intercettati da F-16 dell’aviazione norvegese mentre volavano in formazione sul Mare del Nord/Oceano Atlantico, e li hanno identificati”.

Si tratta di quattro ‘Tu-95 Bear H’, bombardieri strategici, e quattro ‘Il-78’, aerei cisterna. La formazione volava dalla Russia sopra il mare di Norvegia in spazio internazionale. Sei dei velivoli russi sono tornati indietro tornando verso la Russia, mentre due hanno proseguito a Sud-Ovest paralleli alla costa norvegese. Il bomber e gli aerei cisterna non avevano piani di volo e non hanno mantenuto contatto con il controllo dell’aviazione civile perché non usavano transponder.

“Quattro sono stati intercettati sul Mar Nero, il 29 ottobre, nel pomeriggio, tra cui due bombardieri Tu-95 Bear-H e due jet d’attacco Su-27. Alle 4 erano ancora operativi nei cieli”, si legge ancora.

Infine, “molteplici aerei sono stati intercettati sul Baltico, il 29 ottobre, tra cui due MiG-31, due Su-34, un Su-27 e due Su-24. F-16 portoghesi assegnati alla missione di pattugliamento del Baltico, sono stati fatti decollare in urgenza e gli aerei russi sono tornati nel loro spazio aereo”. Altri sette Jet sono stati intercettati il 28 ottobre sempre nel baltico, alle 2.30 del pomeriggio.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it