Aggiornato alle: 07:52

Caso Cucchi, l’appello del presidente del Senato | “Chi sa parli, lo Stato non sopporta violenze”

di Redazione

» Cronaca » Caso Cucchi, l’appello del presidente del Senato | “Chi sa parli, lo Stato non sopporta violenze”

Caso Cucchi, l’appello del presidente del Senato | “Chi sa parli, lo Stato non sopporta violenze”

| martedì 04 Novembre 2014 - 12:30
Caso Cucchi, l’appello del presidente del Senato | “Chi sa parli, lo Stato non sopporta violenze”

“Vorrei fare un appello: ci sono rappresentanti delle istituzioni che sono certamente coinvolti in questo caso. Quindi, chi sa parli. Che si abbia il coraggio di assumersi le proprie responsabilità perché lo Stato non può sopportare una violenza impunita di questo tipo”. Sono le parole del presidente del Senato, Piero Grasso, a Bar per la cerimonia del 4 novembre, a proposito del caso di Stefano Cucchi.

> IL PROCESSO DI APPELLO PER LA MORTE DI STEFANO CUCCHI

> LE POLEMICHE PER LA SENTENZA DI APPELLO

“Intanto è doverosa e giusta – ha aggiunto Grasso – la solidarietà alle famiglie delle vittime di violenza. La violenza non può far parte della dignità di uno Stato civile, soprattutto quando viene da rappresentanti delle istituzioni. Noi speriamo di continuare a cercare la verità, nonostante ci siano state delle sentenze che non hanno saputo o potuto trovarla. Pensiamo  che bisogna continuare su questa strada dando la massima solidarietà ai familiari delle vittime”.

Le parole del presidente del Senato arrivano solo 24 ore dopo la disponibilità mostrata dal procuratore di Roma Giuseppe Pignatone a rivedere i fascicoli del caso Cucchi e valutare un’eventuale riapertura delle indagini.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it