L’Isis rivende in Europa i tesori d’arte rubati | Così si autofinanziano gli islamisti

di Redazione

» Esteri » L’Isis rivende in Europa i tesori d’arte rubati | Così si autofinanziano gli islamisti

L’Isis rivende in Europa i tesori d’arte rubati | Così si autofinanziano gli islamisti

| mercoledì 25 Marzo 2015 - 12:37
L’Isis rivende in Europa i tesori d’arte rubati | Così si autofinanziano gli islamisti

L’Isis vende reperti rubati da un museo nella città di Mosul in Iraq ad acquirenti in Europa. Lo ha rivelato il vice ministro iracheno alla cultura, Qais Hussein Rashid.

Secondo Rashid, l’Isis utilizzerebbe tali vendite per autofinanziarsi. Rashid ha aggiunto che le autorità irachene stanno prendendo le misure opportune per recuperare i tesori d’arte rubati.

Il 26 febbraio, un video pubblicato sui social media ha mostrato i miliziani dell’Isis che distruggevano a colpi di mazza statue antiche nel museo di Mosul.

Il Segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon e l’Unesco hanno condannato la distruzione “sistematica” dei tesori culturali dell’Iraq da parte dell’Isis.

Inoltre, la biblioteca Mosul, in cui erano conservati circa 8.000 testi storici, è stata data alle fiamme.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820