Aggiornato alle: 15:25

In Italia non si sta poi così bene | Lo dice una ricerca dell’Ocse

di Redazione

» Cronaca » In Italia non si sta poi così bene | Lo dice una ricerca dell’Ocse

In Italia non si sta poi così bene | Lo dice una ricerca dell’Ocse

| lunedì 18 Maggio 2015 - 07:27
In Italia non si sta poi così bene | Lo dice una ricerca dell’Ocse

L’Italia si è posizionata al 13mo posto nell’equilibrio lavoro-vita, al 14mo nel reddito e al 17mo nella salute. In tutte le altre voci la performance è al di sotto della media.

Questi i risultati del Better life index dell’Ocse, per quel che riguarda il Bel Paese. Se per quanto riguarda l’equilibrio lavoro-vita, reddito e salute l’Italia è sopra la media, istruzione, occupazione, ambiente e soddisfazione personale piazzano la Penisola nella seconda metà della classifica.

La ricerca, basata sulle risposte di oltre 3.600 persone, prende in considerazione 11 fattori benessere in 36 paesi (Ocse più Brasile e Russia).

LEGGI IL TESTO ORIGINALE DEL BETTER LIFE INDEX DELL’OCSE

“L’Italia si comporta bene in poche misure di benessere nel Better Life Index”, si legge nel documento. In Italia, il reddito medio familiare netto disponibile pro capite è di 25.166 dollari all’anno, leggermente inferiore alla media OCSE di 25. 908. Ma vi è un notevole divario tra i più ricchi e i più poveri – il top 20% della popolazione guadagna quasi sei volte tanto quanto il 20% inferiore.

In termini di occupazione, il 56% delle persone di età compresa tra i 15 e i 64 in Italia ha un lavoro retribuito, al di sotto della media OCSE del 65%. Circa il 66% degli uomini hanno un lavoro retribuito, rispetto al 47% delle donne. In Italia, quasi il 4% dei dipendenti lavora molto ore, meno rispetto alla media OCSE del 13%, con il 5% degli uomini che lavorano molto ore rispetto ad appena il 2% per le donne.

In Italia, il 57% degli adulti di età compresa tra 25-64 anni hanno completato l’istruzione secondaria superiore , al di sotto della media OCSE del 75%. Questo è più vero per le donne rispetto agli uomini: il 56% degli uomini hanno completato con successo il liceo contro il 59% delle donne. In termini di qualità del sistema di istruzione, lo studente medio ha segnato 490 nella capacità di lettura, matematica e scienze in programma dell’OCSE per la valutazione internazionale degli studenti (PISA ), inferiore alla media OCSE di 497. In media in Italia, le ragazze hannofatto meglio dei ragazzi di 6 punti, meno della media del divario di genere di 8 punti dell’OCSE.

In termini di salute, la speranza di vita alla nascita in Italia è 82 anni , due anni superiore alla media OCSE. L’aspettativa di vita per le donne è di 85 anni, contro i 80 per gli uomini. Il livello di PM10 atmosferico – minuscole particelle inquinanti dell’aria dannose per i polmoni – è 20,6 microgrammi per metro cubo nelle grandi aree urbane, leggermente superiore rispetto alla media OCSE di 20,1 microgrammi per metro cubo. L’Italia potrebbe fare di meglio in termini di qualità delle acque, con il 71% delle persone che si dicono soddisfatte della qualità della loro acqua, al di sotto della media OCSE del 81%.

Per quanto riguarda la sfera pubblica, vi è un forte senso di comunità e un alto livello di partecipazione civica in Italia, dove il 90% delle persone crede di poter contare in un aiuto nel momento del bisogno, più della media OCSE del 88%. L’affluenza alle urne , una misura della partecipazione dei cittadini al processo politico, è stata del 75% durante le recenti elezioni; superiore alla media OCSE del 68%.

In generale, gli italiani sono meno soddisfatti della propria vita rispetto alla media OCSE. Quando è stato chiesto di votare il loro soddisfazione generale con la vita in una scala da 0 a 10, gli italiani hanno dato un 6.0, inferiore alla media Ocse di 6,6.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it