Indonesia, test delle “due dita” per le soldatesse | Human Rights: “Discriminazione da abolire”

di Claudia Argento

» Cronaca » Indonesia, test delle “due dita” per le soldatesse | Human Rights: “Discriminazione da abolire”

Indonesia, test delle “due dita” per le soldatesse | Human Rights: “Discriminazione da abolire”

| lunedì 18 Maggio 2015 - 12:54
Indonesia, test delle “due dita” per le soldatesse | Human Rights: “Discriminazione da abolire”

Strana “prova d’ingresso” quella che devono subire le ragazze indonesiane che aspirano a far parte dell’esercito del proprio paese. L’Indonesia è, infatti, di nuovo nel mirino delle associazioni per i diritti umani a causa del “test delle due dita”, pratica ritenuta necessaria dai militari per assicurarsi che le donne-soldato non abbiano fatto le “birichine”.

Al “Guardian” Fuad Basya, portavoce dell’esercito indonesiano, ha dichiarato che le “soldatesse” devono essere vergini, altrimenti la loro mentalità non è adatta per la carriera militare. In realtà, il test “manuale” umilia costantemente le donne indonesiane, spesso sottoposte a questo esame pubblicamente davanti a decine e decine di persone, ma alle ragazze viene spiegato che si tratta di una procedura per preservare la loro dignità e quella della nazione.

Human Rights Watch ha sottolineato che questo test, condotto per assicurarsi che l’imene sia ancora intatto, non è altro che una forma di violenza di genere che non ha nessuna validità scientifica, anzi sarebbe invasiva e discriminatoria. I militari, dal canto loro, hanno rigettato le critiche e hanno detto che continueranno i test, considerati “essenziali”. In teoria sarebbe stato abolito dal 2010, ma in pratica continua a far parte delle “pratiche per l’igiene” richieste dal capo della polizia: pochi mesi fa era stato addirittura proposto di negare il diploma scolastico a chi risultasse negativa all’esame.

L’esame è esteso a tutti i corpi dell’esercito, fidanzate degli ufficiali incluse. Ma non è finita qui: le “soldatesse” prossime al matrimonio devono ottenere una lettera di raccomandazione dai loro comandanti in cui viene assicurato che esse si sono sottoposte ai test medici dell’ospedale militare.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820