Aggiornato alle: 19:27

Samp, l’Uefa accoglie la difesa: giocherà in Europa League. Ferrero: “Ne ero certo”

di Redazione

» Sport » Samp, l’Uefa accoglie la difesa: giocherà in Europa League. Ferrero: “Ne ero certo”

Samp, l’Uefa accoglie la difesa: giocherà in Europa League. Ferrero: “Ne ero certo”

| giovedì 18 Giugno 2015 - 15:37
Samp, l’Uefa accoglie la difesa: giocherà in Europa League. Ferrero: “Ne ero certo”

La Sampdoria esulta, il prossimo anno parteciperà all’Europa League. L’Uefa ha accolto la memoria difensiva presentata dal club blucerchiato, coadiuvato dall’avvocato Lucio Colantuono, in merito ai dubbi espressi dalla stessa Uefa sul patteggiamento avvenuto nel 2012. I doriani rubano così il al posto del Genoa, che non ha ottenuto la licenza Uefa.

L’episodio contestato risale all’agosto 2012, quando il club dell’allora patron Garrone patteggiò 1 punto di penalizzazione e 30.000 euro di ammenda per la vicenda Guberti nel processo per presunto illecito sportivo. La Sampdoria è riuscita a dimostrare di essere idonea a partecipare alla prossima Europa League come scrive la società sul sito ufficiale.

La penalizzazione non può essere ricondotta alla responsabilità indiretta – è emerso dalle indagini – che invece può impedire la partecipazione alle competizioni europee. Il Collegio d’Appello dell’Uefa ha impiegato meno di due ore per decidere. La squadra del neo tecnico Walter Zenga entrerà in gioco nel terzo turno di qualificazione il 30 luglio.

Sono felicissimo per la Sampdoria e per i suoi magnifici tifosi, che immagino contenti come me, come tutta la società e la squadra in questo momento. Ho sempre creduto e sempre continuerò a credere nella buona fede della Sampdoria, nella serietà e nella preparazione dell’Uefa e della Figc – ha detto il patron Massimo Ferrero – Con orgoglio, con fair play e con la maglia più bella del mondo rappresenteremo Genova, la Liguria e l’Italia in Europa”

Il numero uno blucerchiato è raggiante: “Non ho mai avuto dubbi e l’ho sempre detto – ha aggiunto al sito ufficiale – Se a qualcuno il mio modo di vivere il calcio con amore e semplicità può aver dato fastidio, oggi quel qualcuno sicuramente festeggia con me per il gol che abbiamo realizzato nei palazzi. Avrei preferito segnarlo in campo, ma evidentemente era un segno del destino internazionale che per andare in Europa saremmo dovuti passare dalla Svizzera”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it