Aggiornato alle: 12:32

Pontida, Salvini attacca Renzi e sfida Bossi | Ma il Senatur risponde: “Così Matteo resterà solo”

di Redazione

» Politica » Pontida, Salvini attacca Renzi e sfida Bossi | Ma il Senatur risponde: “Così Matteo resterà solo”

Pontida, Salvini attacca Renzi e sfida Bossi | Ma il Senatur risponde: “Così Matteo resterà solo”

| domenica 21 Giugno 2015 - 14:47
Pontida, Salvini attacca Renzi e sfida Bossi | Ma il Senatur risponde: “Così Matteo resterà solo”

“La ruspa fa giustizia di tanti errori. La ruspa la uso per Renzi, non per qualcun altro. La ruspa la usiamo per far ripartire il lavoro”. È così che il leader della Lega Matteo Salvini si è rivolto ai giornalisti al suo arrivo a Pontida, tradizionale sede del raduno del Carroccio. Immigrazione, elezioni, economia e Partito Nazionale le priorità assolute del segretario leghista.

“L’anno scorso eravamo qua per ricostruire e ripartire. Quest’anno siamo ripartiti e siamo qua per vincere – ha detto – Abbiamo le idee e gli uomini giusti, vogliamo prendere un voto in più di Renzi e andare al governo a cambiare le cose. I toni? Qui non c’è rabbia, rancore. Siamo qui per costruire la speranza e il futuro dei nostri figli. La paura la lasciamo a Renzi e alla sue damigelle”.

Ma se da un lato c’è chi promuove l’idea di dare vita ad un partito nuovo, di respiro nazionale, c’è chi invece prova a riportare d’attualità la Lega delle origini, la Lega di Umberto Bossi: “Per fare le alleanze ci vogliono i voti, ma noi non chiediamo i voti per i voti ma per fare le riforme, per cambiare il Paese – ha detto il Senatur – I voti per i voti, come crede Renzi, in democrazia non sono niente”.

“Sono venuto qui per vedere che partito sta venendo fuori. Se esce un partito nazionale, Salvini resta da solo a farlo – dichiara Bossi – I voti? Non glieli danno, perché quelli vogliono i soldi e non vogliono cambiare il Paese visto che hanno sempre compartecipato con Roma nei banchetti con i soldi rubati al Nord. La Lega non può essere nazionale, finché ci sono io è nazional-padana; perché il nord è sempre contro quel che è italiano, contro il centralismo e il fascismo”.

“Le alleanze si devono fare solo con chi è ragionevole e capisce che le cose devono cambiare – ha continuato – Ben vengano quindi gli alleati che vogliono cambiare. Cosa sono le poltrone se non si cambia il Paese? Stare su una poltrona se non si cambia nulla, a noi non sta bene. Si deve cambiare questo Paese anche per i giovani, soprattutto per quelli che non lavorano”.

Infine il monito, con il solito riferimento alla guerra civile: “Tra qualche anno sarà un dramma per loro perché saranno anche senza pensione e allora non saranno tolleranti come adesso conclude Umberto Bossi – Andiamo incontro a un futuro fosco, scuro dove non si salverà nessuno e si rischia la guerra civile. Cosa penso di Salvini? Per adesso non mi piace“.

Tra Salvini e Bossi, si inserisce anche Maroni. Il governatore della Lombardia parla dell’ipotesi che il governo metta i rom nelle case popolari per chiudere i campi. “Caro ministro dell’Interno – ha detto – cari del governo: sappiate che se pensate una cosa del genere dovrete passare sul mio corpo. Noi, vi assicuro, non lo permetteremo mai”.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it