Caso Meredith, la Cassazione: “Mancano prove” | “Vogliamo il risarcimento per ingiusta detenzione”

di Redazione

» Cronaca » Caso Meredith, la Cassazione: “Mancano prove” | “Vogliamo il risarcimento per ingiusta detenzione”

Caso Meredith, la Cassazione: “Mancano prove” | “Vogliamo il risarcimento per ingiusta detenzione”

| lunedì 07 Settembre 2015 - 14:21
Caso Meredith, la Cassazione: “Mancano prove” | “Vogliamo il risarcimento per ingiusta detenzione”

Un processo “dall’iter obiettivamente ondivago”. Così si è pronunciata la Cassazione nelle motivazioni dell’assoluzione di Knox e Sollecito.

“Le oscillazioni sono, però, la risultante anche di clamorose ‘defaillance’ o ‘amnesie’ investigative e di colpevoli omissioni di attività di indagine”.

Sarebbe inutile processare nuovamente Knox e, per il delitto Kercher dato che è “negativa” la risposta sulla “possibilità oggettiva” di condurre ulteriori accertamenti che “possano dipanare i profili di perplessità, offrendo risposte di certezza”.

I pc della Knox e della vittima “che forse avrebbero potuto dare notizie utili, sono stati, incredibilmente, bruciati da improvvide manovre degli inquirenti” e le tracce biologiche sono di “esigua entità” per essere rianalizzate.

L’avvocato Giulia Bongiorno ha intanto sottolineato ad Adnkronos come nelle motivazioni della sentenza di assoluzione di Raffaele Sollecito e Amanda Knox, ci sia una “presa di posizione molto forte contro le investigazioni e e gli errori fatti”.

“I giudici hanno dipinto l’ affresco di un errore giudiziario mostruoso – continua la Bongiorno – L’assoluzione ci aveva dato grande soddisfazione – ha aggiunto – ma la motivazione raddoppia la nostra soddisfazione. Presenteremo una richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione“.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820