Aggiornato alle: 15:23

Washington, la Microsoft cita in giudizio l’Fbi | “Vìola il diritto costituzionale alla riservatezza”

di Redazione

» Esteri » Washington, la Microsoft cita in giudizio l’Fbi | “Vìola il diritto costituzionale alla riservatezza”

Washington, la Microsoft cita in giudizio l’Fbi | “Vìola il diritto costituzionale alla riservatezza”

| giovedì 14 Aprile 2016 - 20:15
Washington, la Microsoft cita in giudizio l’Fbi | “Vìola il diritto costituzionale alla riservatezza”

Non solo Apple, anche Microsoft si schiera contro l’Fbi. Messa alle strette dalla volontà dei federali di accedere a mail e dati privati, il colosso di Bill Gates ha deciso di citare in giudizio l’Fbi.

È stata invocata la violazione dei principi tutelati dal primo emendamento sulla libertà di parola e del quarto, che stabilisce il diritto per le persone e per le imprese di essere informate se il governo perquisisce o sequestra le loro proprietà.

Secondo Microsoft, quindi, l’Fbi  violerebbe la riservatezza dei cittadini e, di conseguenza, la Costituzione. La causa è stata depositata ieri in un tribunale del Distretto occidentale di Washington.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it