Brasile, approvato l’impeachment della Rousseff | Tensione alla Camera, adesso la parola al Senato

di Redazione

» Esteri » Brasile, approvato l’impeachment della Rousseff | Tensione alla Camera, adesso la parola al Senato

Brasile, approvato l’impeachment della Rousseff | Tensione alla Camera, adesso la parola al Senato

| lunedì 18 Aprile 2016 - 07:58
Brasile, approvato l’impeachment della Rousseff | Tensione alla Camera, adesso la parola al Senato

Il presidente del Brasile Dilma Rousseff è stato messo in stato d’accusa dalla Camera dei deputati. Raggiunto il quorum dei due terzi dei 513 eletti con 342 voti, i deputati di opposizione hanno esultato mostrando alle telecamere cartelli con scritto “Ciao cara“. Non sono mancati attimi di grande tensione, a tratti si è temuto anche lo scontro fisico.

“Le possibilità di invertire il trend sono pari a zero, daremo battaglia al Senato”, ha annunciato il capogruppo alla Camera del Partito dei lavoratori, Josè Guimaraes, prima di raggiungere il quorum. “Grande delusione” per Dilma e Lula, che hanno assistito alla votazione nella biblioteca del palazzo presidenziale di Brasilia, e per i sostenitori del governo.

Il procedimento procederà al Senato, dove il presidente Renan Calheiros dovrà istituire una speciale commissione incaricata di decidere se accogliere o meno la proposta. In caso positivo, l’impeachment sarà votato dall’aula. La presidente avrà poi fino a 180 giorni di tempo per difendersi davanti ai giudici della Corte costituzionale.

Successivamente il Senato dovrà votare una seconda volta, dopo aver ascoltato la difesa della presidente. Solo in caso di voto favorevole, a maggioranza dei due terzi degli 81 senatori, Dilma Rousseff decadrebbe dall’incarico.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820