Rio 2016, 16 agosto: grazie comunque Vanessa! | Magico Settebello, Ruffini e Vanelli a mani vuote

di Redazione

» Olimpiadi Rio 2016 » Rio 2016, 16 agosto: grazie comunque Vanessa! | Magico Settebello, Ruffini e Vanelli a mani vuote

Rio 2016, 16 agosto: grazie comunque Vanessa! | Magico Settebello, Ruffini e Vanelli a mani vuote

| martedì 16 Agosto 2016 - 06:45
Rio 2016, 16 agosto: grazie comunque Vanessa! | Magico Settebello, Ruffini e Vanelli a mani vuote

Si chiude una giornata senza medaglie per l’Italia, in cui lo sport azzurro saluta una altra sua grande campionessa e festeggia per la sua formazione maschile di pallanuoto.

Il grazie di tutti gli sportivi italiani è per Vanessa Ferrari, che con il quarto posto al corpo libero (il secondo consecutivo dopo Londra 2012) ha probabilmente chiuso la carriera che l’ha consacrata come ginnasta più grande della storia recente italiana.

A festeggiare è invece il Settebello di Sandro Campagna, che con una prestazione magica del suo portiere Tempesti e dei tiratori azzurri ha sconfitto la Grecia (data con i favori del pronostico), rendendo l’Italia l’unica nazione con entrambe le formazioni in semifinale nella pallanuoto.

La notte però ci regala una magia. Lupo – Nicolai, i campioni d’Europa del beach volley sono in finale, un risultato mai raggiunto dallo sport italiano in questa disciplina, che dunque per la prima volta ottiene una medaglia. A Copacabana sarà sfida stellare contro i padroni di casa e campioni del mondo del Brasile (Alison – Bruno Schmidt).

A mani vuote rimangono Ruffini e Vanelli nella 10 km di fondo, autori di una bella rimonta, ma rimasti invischiati nel convulso sprint finale. Nell’atletica, bravo Galvan a superare il turno nei 200 metri (con Bolt pronto a regalare ancora spettacolo). Applausi anche per la buona prova del nuoto sincronizzato con il duo Cerruti – Ferro, giunto sesto in finale.

A mani vuote anche Bissaro Sicouri, che nel nacra 17 misto, buttano via un’altra medaglia per l’Italia nella vela, passando dal secondo al quinto posto nella medal race. Lo stesso dicasi per Carlo Tacchini, giunto in finale nella canoa canadese C1 mille metri e giunto ultimo.

——-

ORE 00.26: 547.60! Cao Yuan è la medaglia d’oro del trampolino 3 metri uomini! Argento per Jack Laugher (Gran Bretagna), bronzo a Patrick Hausding (Germania).

ORE 00.09: Cao Yuan ormai involato verso la vittoria ad un tuffo dal termine, mentre Hausding compie il doppio sorpasso su Kvasha e Kuznetsov, puntando al bronzo (sarebbe il primo per la Germania in questa gara).

ORE 23.54: Dopo 4 serie di tuffi, Cao Yuan è in fuga e comanda la classifica con 364.00; inseguono Jack Laugher (338.75) e Ilya Kvasha (325.80), che stacca Kuznetsov di quasi 10 punti.

ORE 23.25: Dopo 2 serie di tuffi, Cao Yuan comanda la classifica con 179.50; inseguono Jack Laugher (172.60) e Evgenii Kuznetsov (158.10)

ORE 23.00: É iniziata la finale di tuffi del trampolino 3 metri uomini. Il cinese Cao Yuan il grande favorito.

ORE 22.33: Il Settebello è in semifinale!!! Grecia sconfitta 9 – 5!!! L’Italia continua a sognare.

ORE 22.18: Fine terzo tempo! Il Settebello conduce sulla Grecia per 6 – 3! 8 minuti al termine!

ORE 22.05: Daigoro Timoncini (oggi eliminato agli ottavi da Aleksanyan, che poi è giunto in finale per l’oro) aveva un’altra occasione per centrare la medaglia di bronzo, ma è stata sconfitto dal rumeno Alexuc Ciurariu nei turni di ripescaggio.

ORE 22.00: Metà gara! Il Settebello è in vantaggio sulla Grecia per 4 – 2!

ORE 21.43: Finisce il primo tempo! Il Settebello è in vantaggio sulla Grecia: 2 – 0!

ORE 21.28: Tutto è pronto! Italia e Grecia sono in acqua per il quarto di finale della pallanuoto maschile!

ORE 21.20: La Croazia è in semifinale! Battuto il Brasile. Ora c’è Italia – Grecia!

ORE 21.06: Si entra nel quarto tempo di Brasile – Croazia di pallanuoto (6 – 8 il punteggio). Poi sarà il momento di Italia – Grecia.

ORE 20.39: Niente da fare per Bissaro – Sicouri; gli azzurri chiudono settimi la medal race e scivolano dal secondo al quinto posto! Un’altra medaglia sfumata nella vela.

ORE 20.27: É iniziata la medal race di vela del nacra 17 misto! Bissaro e Sicouri partono dal secondo posto provvisorio.

ORE 20.25: L’oro del corpo libero è di Simone Biles (USA), argento a Alexandra Raisman (USA), bronzo a Amy Tinkler (Gran Bretagna). Quarta una comunque splendida Vanessa Ferrari.

ORE 20.22: Quarto posto per Vanessa Ferrari. 14.766 il punteggio. L’azzurra chiude qui la propria carriera. Grazie Vanessa.

ORE 20.20: Vanessa Ferrari! Bell’esercizio, ma si aspetta il punteggio!

ORE 20.18: Grande esercizio della Raisman, ma non basta! 15.500! Ma ora tocca a Vanessa Ferrari!

ORE 20.12: Brutto esercizio della Steingruber, che commette una serie di errori e si ferma a 11.800. Ferrari potrebbe avere una chance per il bronzo (al momento nelle mani della Tinkler).

ORE 20.09: Simone Biles vola! 15.966 (1 punto di vantaggio su Tinkler)! L’oro è quasi in cassaforte.

ORE 20.07: Amy Tinkler al comando, ma ora tocca Simone Biles!

ORE 20.03: Erika Fasana realizza lo stesso punteggio di Murakami (14.533), ma le resta davanti per esecuzione (0.2 in più).

ORE 20.00: Dopo la Wang (14.666), Tocca a Erika Fasana!

ORE 19.59: Cerruti – Ferro chiudono la gara al quarto posto provvisorio con il punteggio finale di 182.8079. Una buona prova.

ORE 19.55: Murakami (Giappone) è la prima a salire in pedana; 14.533 il suo punteggio. Ora la cinese Wang.

ORE 19.50: Nel nuoto sincronizzato (Russia in testa con Ischenko – Romashina), tocca alla coppia giapponese Inui – Mitsui, poi tocca a Linda Cerruti e Costanza Ferro.

ORE 19.48: Salgono in pedana le atlete per la finale del corpo libero femminile! Impegnate Erika Fasana e Vanessa Ferrari!

ORE 19.34: L’ucraino Vernaiev ha vinto l’oro alle parallele (16.041). Argento agli Stati Uniti con Levya (15.900), bronzo alla Russia (15.783). Tra poco la finale del corpo libero donne, con Vanessa Ferrari ed Erika Fasana.

ORE 19.23: Dopo 4 coppie, la coppia canadese Simoneau – Thomas è in testa alla fina del duo libero di nuoto sincronizzato: Cerruti – Ferro scenderanno in acqua come decima coppia.

ORE 18.57: Sta per iniziare la ripresa di Brasile –  Svezia, semifinale di calcio femminile (GLI AGGIORNAMENTI)

ORE 18.35: La Serbia è in semifinale nella pallanuoto maschile. Sarà lei la sfidante della vincente di Italia – Grecia (IL PROGRAMMA)

ORE 18.17: Due ore circa e Bissaro – Sicouri tenteranno l’impresa. La coppia mista del nacra 17 (catamarano) partono secondi nella medal race di vela, dietro alla coppia argentina Lange Carranza.

ORE 18.00: Occasione per Timoncini! L’azzurro era stato eliminato al primo turno da Aleksanyan, ma visto che l’armeno è in finale per l’oro, l’azzurro ha il diritto di essere ripescato per il bronzo.

ORE 17.54: Si chiudono le batterie odierne dell’atletica, con Bolt in grande spolvero (ECCO TUTTI I RISULTATI)

ORE 17.46: Bolt passeggia per 170 metri, smette di correre negli ultimi 30 e chiude in 20.28. Dimostrazione di forza impressionante.

ORE 17.41: Ecco Bolt! Esordio nei 200 per il re della velocità.

ORE 17.36: Niente da fare per Davide Manenti, che con il quarto posto in batteria è eliminato. Tra poco Bolt.

ORE 17.24: Sandra Perkovic (Croazia) è oro nel lancio del disco donne (69.29). Argento per la Francia con Robert – Michon, bronzo a Cuba con Caballero.

ORE 17.19: Quinta batteria con Gatlin ed il nostro Galvan! Passeggiata per Gatlin in 20.43, Galvan secondo e qualificato con una bella rimonta (seconda piazza per lui)!

ORE 17.12: Niente da fare per Fausto Desalu, fuori dai primi 5 e già certo di non poter essere ripescato.

ORE 17.07: Sono in corso le batterie dei 200 metri; Bolt sarà presente nella nona, presenti anche tre italiani (Desalu, Galvan e Manenti).

ORE 16.53: Si chiude la semifinale del trampolino da 3 metri uomini. Benedetti primo degli eliminati. Fuori dalla finale Zakharov con un tuffo di pancia disastroso (VIDEO)!

ORE 16.33: Disastro Zakharov nei tuffi dal trampolino 3 metri! Sbaglia completamente la rincorsa ed entra di pancia! Zero punti ed eliminazione per l’oro di Londra.

ORE 16.25: Clamoroso nel salto con l’asta donne! Fabiana Murer (Brasile), una delle favorite, è eliminata alla quota di apertura di 4.55. Eliminata anche Sonia Malavisi, comunque brava la giovane azzurra.

ORE 16.19: Christian Taylor (USA) è il nuovo campione olimpico del salto triplo, oro con 17.86! Argento a Will Claye (USA), bronzo al cinese Dong.

ORE 16.05: Sonia Malavisi ha superato la quota di 4.45 all’ultimo tentativo e ora proverà a centrare la finale con 4.55 (errore al primo tentativo).

ORE 15.59: Beffa per Giannotis! Ha sbagliato il tocco finale sulla piastra! La vittoria per l’olandese Weertman, argento per Giannotis, bronzo per Olivier (Francia). Azzurri fuori dalle medaglie.

ORE 15.56: Oro a Giannotis! Per tutte le altre posizioni è photofinish!

ORE 15.55: Inizia lo sprint! Ruffini parte secondo!

ORE 15.54: É rientrato anche Ruffini!! L’azzurro prova a sorpassare il gruppo sulla sinistra!

ORE 15.51: Ultima boa di virata! Mellouli, Burnell, Wilimovsky, Weertman e anche Vanelli nelle prime posizioni! Ora l’imbuto finale.

ORE 15.46: Finisce subito il torneo di Daigoro Timoncini nella lotta greco-romana (categoria 98 kg), sconfitto dall’armeno Aleksanyana gli ottavi

ORE 15.41: Ricongiumento effetuato ed il gruppo del nuoto di fondo si spacca, incertezza sulla posizione degli azzurri. L’olandese Weertman è il nuovo leader.

ORE 15.36: Solo 25 circa i secondi di vantaggio per Poorte, ormai in crisi e destinato ad essere ripreso. Vanelli e Ruffini impegnati in un cambio di traiettoria nella speranza di mantenere il testa del gruppo.

ORE 15.33: Primo errore per Sonia Malavisi a 4.45. Ancora 2 tentativi per lei a questa misura.

ORE 15.29: Passaggio ai tre quarti di gara per il nuoto di fondo! Poort ha ora 40 secondi di vantaggio, Mellouli guida l’inseguimento. Ottavo Ruffini, nono Vanelli (sempre al coperto finora).

ORE 15.20: Brava Sonia Malavisi! 4.30 superati nel salto con l’asta donne al primo tentativo.

ORE 15.14: Il gruppo del nuoto di fondo (dopo diversi tentennamenti) inizia ad allungarsi per rientrare sul fuggitivo. Poorte perde già un decina di secondi in questa fase.

ORE 15.02: Jarod Poort è sempre il comando! A metà gara il suo vantaggio sul gruppo è di un 1 minuto e 16 secondi! Tante le energie spese dall’australiano che ora dovrà gestire il rientro dei migliori. Vanelli sesto, Ruffini settimo.

ORE 14.55: Buona partenza per Sonia Malavisi nel salto con l’asta: 4.15 saltato al primo tentativo.

ORE 14.50: Il gruppo non si organizza per l’inseguimento! Poro continua nella sua fuga nella 10 km di nuoto di fondo.

ORE 14.45: Iniziano le qualificazioni del salto con l’asta femminile. A difendere i colori azzurri Sonia Malavisi, che tenterà di centrare l’accesso in finale.

ORE 14.32: Al termine del primo giro (2,5 km), Poort è in testa (28.41) con un vantaggio di 59 secondi sul gruppo! L’australiano tenta la grande impresa. Vanelli e Ruffini in quinta e nona posizione.

ORE 14.14: Nella 10 km di fondo è già all’attacco l’australiano Poort, che prova una fuga dopo i primi metri. Gruppo all’inseguimento, tirato da Mellouli (Tunisia, oro di Londra 2012).

ORE 14.12: Peccato Carlo Tacchini. L’azzurro già ultimo di otto finalisti nelle prime fasi di gara, non ha concluso la finale della C1 1000 metri. Oro al tedesco Brendel, argento al brasiliano Queiroz, bronzo al moldavo Tarnovschi.

ORE 14.08: É il momento di Carlo Tacchini! Scatta la finale della canoa sprint canadese C1 1000 metri: l’azzurro è in acqua 2.

ORE 14.00: Gli atleti hanno lasciato la sabbia di Copacaban. Prende io via la 10 km di fondo maschile, la maratona del nuoto.

ORE 13.50: Tutto è pronto per un’altra giornata di gare. Alle 14 via alla “maratona” di nuoto maschile (10 km) con Simone Ruffini e Federico Vanelli. Poco minuti dopo c’è la finale della canoa canadese (c1 1000 metri) con Carlo Tacchini in acqua 2.

——–

L’Italia non vuole fermarsi a Rio de Janeiro. Altre gare nella giornata del 16 agosto e altre speranze di medaglia sono in vista per lo sport azzurro.

Ad illuminare la serata italiana è chiamata Vanessa Ferrari, che dopo anni difficili, cerca al corpo libero la medaglia olimpica della consacrazione  dopo lo storico oro mondiale ottenuto a 16 anni (ben 10 anni fa) e la medaglia mancata sia a Pechino sia a Londra (dove perso il bronzo – assegnato a Mustafina – nonostante il pari merito nel punteggio).

Grandi speranze sono riposti negli azzurri del Settebello, che oggi scendono in vasca per i quarti di finale del torneo olimpico, dove sfideranno la Grecia, mentre nella 10 km di fondo tocca a Simone Ruffini confermare l’oro mondiale di specialità (presente anche Federico Vanelli).

Attesa per due possibili sorprese: si tratta di Carlo Tacchini (impegnato nella finale della canoa C1 1000 metri) e di Daigoro Timoncini, impegno nella lotta greco-romana (categoria 98kg).

Nell’atletica, Galvan, Desalu e Manenti tenteranno di superare il turno nei 200 uomini (con Bolt grande favorito), mentre Sonia Malavisi tenterà l’accesso in finale nel salto con l’asta.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820