Aggiornato alle: 20:13

L’Italia trema ancora, storie di morti e disastri | Dal Friuli all’Aquila passando per Irpinia e Umbria

di Redazione

» Cronaca » L’Italia trema ancora, storie di morti e disastri | Dal Friuli all’Aquila passando per Irpinia e Umbria

L’Italia trema ancora, storie di morti e disastri | Dal Friuli all’Aquila passando per Irpinia e Umbria

| mercoledì 24 Agosto 2016 - 09:21
L’Italia trema ancora, storie di morti e disastri | Dal Friuli all’Aquila passando per Irpinia e Umbria

Ore 3.36, nel Reatino è l’inferno. Ancora una volta l’Italia si risveglia colpita al cuore, devastata da una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 6. Ma è solo l’ultima di una lunga e sanguinosa serie di sismi che da Nord a Sud hanno segnato il territorio. Spesso irreversibilmente.

Nella memoria sono ancora impresse le scene di disperazione de L’Aquila. Erano le 3.32 del 6 aprile 2009 quando una scossa di magnitudo 6.2 uccise 309 persone causando quasi 2.000 feriti, 65 mila sfollati e 1.700 monumenti danneggiati. L’epicentro avvenne ad una profondità di 8,8 chilometri, tra L’Aquila, Tornimparte e Lucoli.

Dopo fu la volta dell’Emilia, nel 2012, quando nelle province di Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia, Bologna e Rovigo fu registrata alle 9 del mattino una prima forte scossa di magnitudo 5,8: l’epicentro fu nella zona compresa fra Mirandola, Medolla e San Felice sul Panaro. Il 31 maggio 2012 alle 16.58, poi, ci fu una scossa di magnitudo 4 con epicentro a Rolo e Novi di Modena. Si contarono 27 vittime.

Sempre nel Centro Italia, il 26 settembre 1997, due terremoti di magnitudo 6,4 causarono 11 vittime e gravi danni alla Basilica di San Francesco ad Assisi, rovinando preziosissimi affreschi medievali.

Bilancio drammatico più a Sud, in Irpinia, nel 1980. Il 23 novembre 1980 un sisma di magnitudo di circa 6,5 gradi Richter e con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza, e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti.

 Non meno violento il terremoto del Friuli del 1976. Il sisma fu di magnitudo 6.4 della scala Richter, una serie di scosse iniziate il 6 maggio 1976, con ulteriori scosse l’11 e 15 settembre. I morti furono 990, mentre 100 mila furono gli sfollati. Lenta e molto discussa la ricostruzione dei territori colpiti.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it