vendite basse sconti estate 2018

I saldi estivi non stanno dando i risultati sperati.  Lo afferma il Codacons, che sta monitorando il trend degli sconti di fine stagione nelle principali città.

Il Codacons aveva già constatato la situazione negativa che adesso viene confermata. “Ad oggi le vendite nel settore abbigliamento, accessori e calzature non sono decollate e il commercio, specie i piccoli negozi – spiega il presidente Carlo Rienzi – , registra una evidente contrazione del giro d’affari. Si può senza dubbio parlare di flop dei saldi”.

Ad essere più fiacche sono le vendite al Sud: “Tra le grandi città Genova, Milano e Roma stanno registrando vendite deludenti attorno al -5% rispetto al 2017 – nota Rienzi -, mentre nei principali centri del sud (Catania, Bari, Palermo e Catanzaro) la contrazione degli acquisti registra picchi fino al -15%. Flop degli sconti che riguarda in particolar modo i negozi di periferia e i centri commerciali, i quali hanno registrato una diminuzione sia nelle presenze sia nel giro d’affari, mentre outlet e boutique d’alta moda tengono il passo rispetto allo scorso anno”.

Bilancio positivo invece per alcune città del centro-Italia, in particolare l’Umbria, unica regione che vede i principali centri urbani registrare vendite in lieve aumento sul 2017.

“Nonostante sconti medi sensibilmente più elevati rispetto al passato e compresi tra il 30 e il 40%, quest’anno i saldi estivi stanno deludendo le attese – conclude il presidente Carlo Rienzi -, a dimostrazione che oramai gli sconti di fine stagione appaiono superati e non attirano più le famiglie, anche a causa dell’e-commerce che su abbigliamento e calzature pratica sconti liberi tutto l’anno conquistando enormi fette di mercato”.