Vaccini, Scuole: “No a classi con bimbi a rischio”

di Redazione

» Cronaca » Vaccini, Scuole: “No a classi con bimbi a rischio”

Vaccini, Scuole: “No a classi con bimbi a rischio”

| lunedì 06 Agosto 2018 - 09:10
Vaccini, Scuole: “No a classi con bimbi a rischio”

La questione vaccini continua a far discutere e sulle classi speciali riservate ai bambini che non possono vaccinarsi, intervengono anche i presidi delle scuole. “Sarà impossibile escludere tra immunodepressi e non vaccinati: come si possono mantenere le distanze in palestra, in gita o in corridoio?”, chiede Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi. “Si tratta di una complicazione per le scuole“.

Vaccini, Scuole: “No a classi con bimbi a rischio”

Le classi speciali raccoglierebbero bambini a rischio perché, appunto, non vaccinati ma in altri luoghi della scuola il contatto con altri bimbi sarebbe inevitabile. “Le scuole sono il posto migliore per diffondere il contagio: ambienti caldi con finestre chiuse”, spiega Giannelli a Il Messaggero.

Il problema viene sollevato anche da Mario Rusconi, presidente ANP-Lazio.”L’emendamento per assicurare la distribuzione dei non vaccinati apre alla possibilità che i bambini possano cambiare classe, causando evidenti effetti negativi sia sul piano educativo che su quello formativo. Un ulteriore problema nasce con la condivisione e la gestione degli spazi comuni: mense, palestre e aree ludiche”, afferma Rusconi.

“I presidi – continua Rusconi – seguendo il calendario annuale delle attività e comunque entro fine luglio, hanno già formato le classi e le sezioni secondo i criteri stabiliti dal Consiglio d’Istituto ma senza i contenuti dell’emendamento appena approvato. I decisori politici dimostrano così di non conoscere i tempi e il calendario della scuola“.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820