Aggiornato alle: 15:13

Lino Banfi: “Mia moglie è tornata a sorridere”

di Redazione

» Intrattenimento » Lino Banfi: “Mia moglie è tornata a sorridere”

Lino Banfi: “Mia moglie è tornata a sorridere”

| giovedì 23 Agosto 2018 - 12:16
Lino Banfi: “Mia moglie è tornata a sorridere”

Per Lino Banfi è tornato il sereno. Dopo la paura per i problemi di salute dell’amata moglie Lucia in un’intervista al settimanale Nuovo ha annunciato: “Finalmente la vedo sorridere”. Qualche mese fa aveva temuto per il peggio e in un’intervista a Il Messaggero aveva reagito con rabbia: “Non accetto che mia moglie non stia bene, in un momento in cui mi sarei voluto godere la mia vita accanto a lei”.

La moglie di Lino Banfi soffre di gravi problemi neurologici ma grazie al sostegno dei familiari sta cominciando a reagire. “Lucia sta passando un periodo molto difficile per problemi di salute a livello neurologico. Adesso, grazie soprattutto all’affetto di tutta la mia famiglia, sta meglio: l’ho vista ridere – ha raccontato Banfi – e mi ha fatto molto piacere. Il professore che la segue nelle cure ci ha detto che è molto importante che accadano cose belle in modo da farla star bene psicologicamente”.

Lino banfi lontano dal cinema

Per stare vicino a Lucia, Lino Banfi ha anche rifiutato nuovi progetti. “Ho rifiutato un film in Germania perché sarei dovuto rimanere troppo fuori casa. Non me la sento di lasciare Lucia sola per lunghi periodi. Il legame tra me e lei – ha spiegato – è qualcosa di indescrivibile: dura dai tempi in cui eravamo due ragazzini di Canosa di Puglia. Lei era una parrucchiera, io un giovanotto col pallino della recitazione. La cosa che mi fa rabbia è che, dopo anni di sacrifici – ha continuato -, avrei voluto trascorrere serenamente la vita insieme a Lucia. Per questo ho preso una casa a Cannes, ma è difficile star lì con mia moglie: credo che la venderò”.

Lino Banfi adesso si sta dedicando ad altre attività lontane dal cinema: la produzione di prodotti tipici pugliesi e l’orecchietteria in centro a Roma. “Torno sempre in Puglia, anche perché a Canosa vive mia sorella Sabina, una zitellona di 90 anni. Ci torno spesso per stare con lei e con i miei nipoti. Poi seguo “Bontà Banfi“, il mio nuovo progetto imprenditoriale legato ai prodotti tipici pugliesi. A Roma invece – ha concluso-, un anno fa, abbiamo aperto un’orecchietteria dove in questo periodo è impegnata mia figlia Rosanna”.

Foto da Facebook

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it