Il lander Insight della Nasa è atterrato su Marte, le prime immagini

di Redazione

» Cronaca » Il lander Insight della Nasa è atterrato su Marte, le prime immagini

Il lander Insight della Nasa è atterrato su Marte, le prime immagini

| martedì 27 Novembre 2018 - 01:09
Il lander Insight della Nasa è atterrato su Marte, le prime immagini

È filato tutto liscio per il lander Insight della Nasa che è atterrato su Marte al culmine di una delicatissima sequenza di operazioni. È appena cominciata un nuova avventura su Marte. L’obiettivo di Insight è quello di catturare altri segreti del pianeta rosso, esplorandone il cuore, studiandone la geologia e i terremoti

Le procedure della discesa sono cominciate alle 20:40 e si sono concluse alle alle 20:54. Alle 21:01 Insight ha inviato a a Terra il ‘beep’ per comunicare che è ‘vivo’ e funzionante e, in più, ha inviato anche la prima foto della superficie marziana. Insight è il 15esimo veicolo a toccare il suolo marziano a partire dal 1971. Attualmente solo sette missioni su 16 sono state pienamente operative. Oggi sono al lavoro su Marte altri due veicoli, entrambi della Nasa: Curiosity, che era arrivato nel 2012, e Opportunity, del 2004. 

Marte, il lander Insight della Nasa è atterrato 

E anche in questa circostanza non è mancato l’apporto italiano alla missione spaziale, hanno partecipato l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn l’Istituto di Astrofisica (Inaf) e dall’industria con Leonardo. “La missione Insight è molto interessante e vicina agli obiettivi della missione europea ExoMars 2020”, ha detto all’Ansa il commissario dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Piero Benvenuti. “Il rover collocherà nel suolo marziano un sensore per i movimenti sismici che permetterà di capire meglio come funziona e come è fatto il sottosuolo di Marte”.

Lo strumento Larri (Laser Retro-Reflector for InSight), è stato sviluppato da Infn e Asi per fornire la posizione precisa del rover. È un localizzatore gemello di quello che era a bordo del lander Schiaparelli, purtroppo distrutto nell’impatto con il suolo marziano per un errore del software. È italiano anche il radiotelescopio che dalla Terra catturerà i segnali dei due cubesat: tutte le informazioni dei due piccoli satelliti arriveranno al Sardinia Radio Telescope, “già entrato a pieno titolo nel deep space network”.  Italiano, infine, il sensore stellare Star Tracker, costruito negli stabilimenti della Leonardo a Campi Bisenzio (Firenze) che ha guidato la sonda verso Marte, confrontando le immagini rilevate dal suo telescopio con una mappa di circa 3.000 stelle.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820