Aggiornato alle: 21:48

La produzione industriale italiana crolla, -2,6%: “Rischio recessione”

di Redazione

» Cronaca » La produzione industriale italiana crolla, -2,6%: “Rischio recessione”

La produzione industriale italiana crolla, -2,6%: “Rischio recessione”

| sabato 12 Gennaio 2019 - 01:24
La produzione industriale italiana crolla, -2,6%: “Rischio recessione”

L’Italia e l’Europa sull’orlo del baratro della recessione economica. È lo scenario prospettato dai dati Istat che fotografano il crollo della produzione industriale in tutti i maggiori Paesi europei. In Italia, a novembre 2018, il calo è stato del 2,6% su base annua e dell’1,6% su ottobre. E non va meglio nemmeno a Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna.

A novembre 2018 precipita la produzione nel settore auto. L’indice corretto per gli effetti di calendario ha infatti registrato un calo del 19,4% su base annuale e dell’8,6% su base mensile. Ad ottobre era stato registrato un calo tendenziale del 14%. Nella media degli 11 mesi 2018, la produzione è diminuita del 5,1%.

I dati sulla produzione industriale italiana

La produzione industriale italiana, nei primi undici mesi del 2018, è cresciuta dell’1,2% rispetto all’anno precedente, mentre nella media del trimestre settembre-novembre 2018, il livello della produzione registra una flessione dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti. 

Il premier Conte non è sorpreso: “Mi attendevo e temevo un dato negativo della produzione industriale: già i dati per alcuni partner europei erano stati anticipati, ed era difficile che anche per l’Italia non fosse di segno negativo. Ma ancor di più è importante aver anticipato prima e compreso che sarebbe stata questa la ragionevole evoluzione del trend economico e ancora per questo è stato ancor più importante intervenire con quella manovra economica nel segno della crescita e dello sviluppo sociale”.

Le reazioni di Salvini e Di Maio

“Faremo il contrario rispetto agli ultimi governi. Gli ultimi governi da Monti a Renzi avevano una situazione economica positiva e hanno tagliato, noi con una situazione internazionale negativa invece mettiamo più soldi nelle tasche degli italiani, è l’unica cosa intelligente da fare” ha spiegato Salvini arrivando all’inaugurazione della sede dell’Ugl. 

Secondo il vicepremier Luigi Di Maio, invece,  “un nuovo boom economico potrebbe rinascere: negli anni ’60 avemmo le autostrade, ora dobbiamo lavorare alla creazione delle autostrade digitali”. Intanto l’agenzia di rating Dbrs conferma la propria valutazione sull’Italia a ‘BBB (High)’, con trend stabile.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it