Aggiornato alle: 07:23

Papa all’Angelus, chi comanda deve essere saggio

di Redazione

» Cronaca » Papa all’Angelus, chi comanda deve essere saggio

Papa all’Angelus, chi comanda deve essere saggio

| domenica 03 Marzo 2019 - 15:45
Papa all’Angelus, chi comanda deve essere saggio

“Chi svolge il compito di guida, non può essere cieco, deve possedere la saggezza, altrimenti rischia di causare dei danni alle persone che a lei si affidano”, questo è uno dei massaggi di Papa Francesco durante l’Angelus a Piazza San Pietro, domenica 3 marzo, l’ultima prima della Quaresima.

Bergoglio citando il Vangelo, esorta “quanti hanno responsabilità educative o di comando: i pastori d’anime, le autorità pubbliche, i legislatori, i maestri, i genitori, ad essere consapevoli del loro ruolo delicato e a discernere sempre la strada giusta sulla quale condurre le persone che a lei si affidano”, e “richiama così l’attenzione di quanti hanno responsabilità educative o di comando: i pastori d’anime, le autorità pubbliche, i legislatori, i maestri, i genitori, esortandoli ad essere consapevoli del loro ruolo delicato e a discernere sempre la strada giusta sulla quale condurre le persone”.

Francesco ha quindi evidenziato che “nel brano di oggi troviamo un’altra frase significativa, quella che esorta a non essere presuntuosi e ipocriti. Dice così: ‘Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?'”.”Tante volte – ha detto – è più facile o comodo scorgere e condannare i difetti e i peccati altrui, senza riuscire a vedere i propri”.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it