Aggiornato alle: 22:53

Cosenza, caporalato e immigrazione clandestina: 18 denunce

di Redazione

» Calabria » Cosenza, caporalato e immigrazione clandestina: 18 denunce

Cosenza, caporalato e immigrazione clandestina: 18 denunce

| lunedì 25 Marzo 2019 - 08:29
Cosenza, caporalato e immigrazione clandestina: 18 denunce

Una vasta operazione della Guardia di Finanza di Montegiordano contro il caporalato e l’immigrazione clandestina ha portato alla denuncia di 18 persone. Identificati 56 soggetti reclutati in violazione dei contratti nazionali e provinciali del comparto agricoltura.

I Finanzieri cosentini hanno sottoposto a fermo – tra gli altri – sette furgoni in cui erano stipati, alcuni anche all’interno del vano portabagagli, in condizioni degradanti, cinquantasei braccianti agricoli stranieri di nazionalità pakistana, nigeriana, bulgara e rumena, provenienti dalle campagne lucane dove avevano prestato la propria manodopera presso aziende agricole.

Caporalato, blitz nel Cosentino

E emerso che gli stessi percepivano paghe nettamente inferiori a quanto stabilito dalle norme contrattuali. Dopo aver accertato l’identità di tutti i braccianti fermati, è emerso che sette di loro erano in possesso di permesso di soggiorno scaduto e privi di richiesta di rinnovo.

Sono quindi stati deferiti, a piede libero, 11 “caporali” (tra cui i tre titolari delle aziende lucane) in concorso tra loro, per violazione all’art. 603 bis c.p. (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro) per il quale rischiano la reclusione da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato. Sette i braccianti irregolari segnalati alla Procura.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it