Il 29 aprile è la Giornata Internazionale della Danza

di Redazione

» Intrattenimento » Il 29 aprile è la Giornata Internazionale della Danza

Il 29 aprile è la Giornata Internazionale della Danza

| lunedì 29 Aprile 2019 - 15:42
Il 29 aprile è la Giornata Internazionale della Danza

Istituita nel 1982 dal Consiglio Internazionale della Danza (CID), il 29 aprile viene celebrata la Giornata Internazionale della Danza allo scopo di promuovere e diffondere i valori universali di questa disciplina capace di superare molti limiti. La scelta di questa data è stata effettuata in onore di Jean-George Noverre, nato nel 1727 e inventore del balletto moderno. La manifestazione è stata portata in Italia diciott’anni fa da “Movimento Danza” di Gabriella Stazio (Organismo Nazionale riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dall’Unione Europea)

L’obiettivo della Giornata Internazionale della Danza

Il principale scopo di questa manifestazione è quello di promuovere, far conoscere e dare la possibilità ai più giovani di sperimentare le mille forme della danza, dello spettacolo e dell’arte. La musica e i movimenti possono aiutare in diversi modi, sia per chi ha il sogno di danzare, sia per chi desidera divertirsi. Il fatto ancora più straordinario è la grande varietà di stili tra cui poter scegliere mettendosi alla prova nel trovare quello più adatto alle proprie esigenze e caratteristiche.

Leggi anche: Dance – Perché balliamo: il ciclo di documentari con Akram Khan

Il Messaggio Ufficiale per la Giornata Internazionale della Danza

Come ogni anno, Alkis Raftis, presidente del CID, invia il Messaggio Ufficiale per la Giornata Internazionale della Danza a 200 professionisti della Danza in tutto il mondo. Quello del 2019, dal tema ‘Danza e Spiritualità’ recita:

“Quando danzano, le persone a volte trascendono nel regno del soprannaturale; musica e movimento combinati fondono corpo e mente, elevandoli a uno stato di grazia. Questa esperienza estatica libera e si estende più a fondo nella dimensione interiore di ognuno, unendo la persona con l’universo.

 Quando creano, i coreografi riescono a volte a produrre nello spettatore una connessione con il sacro, l’esoterico, il superbamente ignoto. Oltre alla ricreazione e all’arte, la danza diventa il veicolatore di una coscienza elevata, di una ricerca del significato ultimo. Tale coreografia conduce oltre l’osservabile, l’esperito e il conosciuto.

Le Deliadi: ninfe danzanti sull’isola di Delos nell’antica Grecia. Le Devadasi: ancelle di tempio che tramandavano le tradizioni classiche Bharatanatyam e Odissi in India. I Sufi Dervisci: seguaci del poeta persiano Rumi, con la loro danza vorticosa. Preti aztechi “cantavano con i piedi” nel Messico preispanico. La spiritualità è sempre stata presente nella danza.

Assistiamo attualmente alla rapida proliferazione della danza liturgica, specialmente nelle Americhe. La danza ritorna come pratica di culto, forma materiale di preghiera, espressione di devozione a Dio. Migliaia di ministri-coreografi sono formati e stabiliscono le proprie congregazioni. In alcuni luoghi i ministeri di danza sono più numerosi delle scuole di danza convenzionali.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820