Aggiornato alle: 13:02

Al via le elezioni Europee, oggi al voto Gran Bretagna e Olanda

di Redazione

» Cronaca » Al via le elezioni Europee, oggi al voto Gran Bretagna e Olanda

Al via le elezioni Europee, oggi al voto Gran Bretagna e Olanda

| giovedì 23 Maggio 2019 - 08:37
Al via le elezioni Europee, oggi al voto Gran Bretagna e Olanda

Al le elezioni Europee. La Gran Bretagna e l’Olanda sono i primi due Paesi a votare per il rinnovo del Parlamento Ue. Sono quasi 427 milioni di europei (per la precisione 426.828.171) chiamati a votare. Londra avrebbe dovuto lasciare l’Ue il 29 marzo, ma ha avuto una proroga per concludere i negoziati fino al 31 ottobre. Venerdì tocca a Irlanda e Repubblica ceca. Sabato alle urne Slovacchia, Lettonia e Malta. Tutti gli altri Paesi votano domenica 26 maggio.

I tedeschi eleggeranno 96 eurodeputati, i francesi 74, gli italiani 73, gli spagnoli 54, i polacchi 51, i rumeni 32, gli olandesi 26. In Belgio, Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Portogallo saranno eletti 21 europarlamentari, e poi 20 in Svezia, 18 in Austria, 17 in Bulgaria, 13 in Danimarca, Slovacchia e Finlandia, 11 in Irlanda, Croazia e Lituania, 8 in Lettonia e Slovenia, e 6 in Estonia, Cipro, Lussemburgo e a Malta.

Al via le elezioni Europee

I 73 eurodeputati che saranno eletti dai britannici resteranno in carica fino al giorno dell’uscita del Regno Unito. A quel punto gli eurodeputati passeranno da 751 a 705, con un aumento degli eletti che varia da 1 a 5 per 14 Paesi (in particolare 5 per Francia e Spagna, 3 per Italia e Olanda, 2 per l’Irlanda e 1 per Estonia, Croazia, Finlandia, Sloavacchia, Danimarca, Austria, Svezia, Romania e Polonia).

Per applicare la nuova ripartizione, in alcuni Paesi, ci sarà bisogno di tenere elezioni suppletive, mentre in altri (è il caso dell’Italia) verranno “ripescati” ed entreranno al Parlamento europeo i primi non eletti dei Paesi che aumentano il numero dei loro seggi. Questa modifica in corsa dell’Europarlamento non è una novità assoluta: nel dicembre 2011, 18 nuovi eurodeputati avevano integrato l’Assemblea di Strasburgo, a seguito dell’entrata in vigore di un altra modifica della composizione dell’Aula, prevista dal Trattato Ue di Lisbona.

Il voto si svolge secondo sistemi elettorali diversi da Paese a Paese, ma tutti gli Stati membri devono rispettare alcune disposizioni comuni. La più importante fissa il carattere proporzionale della rappresentazione. Fra i 28 Paesi membri, solo cinque (Italia, Regno Unito, Polonia, Belgio e Irlanda) hanno il loro territorio diviso in diverse circoscrizioni elettorali, mentre negli altri 23 Paesi si vota sulla base di una circoscrizione nazionale unica.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it