Aggiornato alle: 08:42

Dl Sicurezza, la Consulta: “Inammissibili ricorsi delle Regioni sugli stranieri”

di Redazione

» Italpress News » Dl Sicurezza, la Consulta: “Inammissibili ricorsi delle Regioni sugli stranieri”

Dl Sicurezza, la Consulta: “Inammissibili ricorsi delle Regioni sugli stranieri”

| giovedì 20 Giugno 2019 - 20:32
Dl Sicurezza, la Consulta: “Inammissibili ricorsi delle Regioni sugli stranieri”

Per la Corte costituzionale sono inammissibili i ricorsi presentati dalle Regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria, che hanno impugnato numerose disposizioni del “Dl Sicurezza, lamentando la violazione diretta o indiretta delle loro competenze.

La Corte ha ritenuto che “le nuove regole su permessi di soggiorno, iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo e SPRAR sono state adottate nell’ambito delle competenze riservate in via esclusiva allo Stato in materia di asilo, immigrazione, condizione giuridica dello straniero e anagrafi (articolo 117, secondo comma, lettere a, b, i, della Costituzione), senza che vi sia stata incidenza diretta o indiretta sulle competenze regionali”.

Dl Sicurezza, bocciati i ricorsi delle Regioni

Resta impregiudicata ogni valutazione sulla legittimità costituzionale dei contenuti delle norme impugnate. La Corte ha anche esaminato alcune disposizioni del Titolo II del “Decreto sicurezza” e ha ritenuto, in particolare, che sia stata violata l’autonomia costituzionalmente garantita a comuni e province. Pertanto, ha accolto le censure sull’articolo 28 che prevede un potere sostitutivo del prefetto nell’attività di tali enti. (ITALPRESS)

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it