Aggiornato alle: 23:13

La Sea Watch chiede l’intervento della Corte di Strasburgo

di Redazione

» Cronaca » La Sea Watch chiede l’intervento della Corte di Strasburgo

La Sea Watch chiede l’intervento della Corte di Strasburgo

| lunedì 24 Giugno 2019 - 12:41
La Sea Watch chiede l’intervento della Corte di Strasburgo

La Sea Watch 3, secondo quanto si apprende, ha inviato una richiesta di “misure provvisorie” alla Corte di Strasburgo per chiedere all’Italia di consentire lo sbarco dei migranti. La Corte ha rivolto una serie di domande sia alla Sea Watch 3 che al governo italiano.

La Sea Watch chiede l’intervento della Corte di Strasburgo

Questi ultimi dovranno rispondere entro oggi pomeriggio. La Corte in base ai suoi regolamenti può chiedere all’Italia di adottare quelle che vengono definite “misure urgenti” e che “servono ad impedire serie e irrimediabili violazioni dei diritti umani“.

“Rispetto alla notizia del ricorso urgente alla Corte dei diritti umani che non è stata diffusa da Sea Watch, commentiamo dicendo che effettivamente è stato fatto un ricorso non dall’organizzazione ma dai singoli individui presenti a bordo che hanno il diritto di adire i propri diritti umani alla corte europea”. Lo ha affermato in un video Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch.

La disponibilità di Torino

“La Diocesi di Torino è disponibile ad accogliere senza oneri per lo Stato i migranti della Seawatch“. Così l’arcivescovo, monsignor Cesare Nosiglia, al termine della messa San Giovanni, patrono della città.

“Rivolgo una preghiera speciale a San Giovanni, che ha sempre difeso i poveri – ha aggiunto -. Chiedo a lui di dare una mano per risolvere il problema che stanno vivendo le persone a bordo della SeaWatch. Per essere concreti la Chiesa di Torino è disponibile ad accogliere questi fratelli e sorelle”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it