Aggiornato alle: 22:32

Open Arms, la Spagna offre un porto ma la ong rifiuta: “Assurdo”

di Redazione

» Cronaca » Open Arms, la Spagna offre un porto ma la ong rifiuta: “Assurdo”

Open Arms, la Spagna offre un porto ma la ong rifiuta: “Assurdo”

| domenica 18 Agosto 2019 - 07:45
Open Arms, la Spagna offre un porto ma la ong rifiuta: “Assurdo”

Continua l’odissea dei migranti dell’Open Arms. Ancora una notte a bordo, la sedicesima, per i 107 rimasti a bordo della ong dopo lo sbarco dei 27 minori di ieri pomeriggio a Lampedusa. I giovanissimi sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola. Uno dei minori ha deciso i non scendere dalla nave per non lasciare il fratello maggiorenne, che non ha avuto l’ok per lasciare la Open Arms.

Open Arms, la Spagna offre un porto sicuro

“Ho indicato che il porto di Algeciras è abilitato a ricevere Open Arms. La Spagna agisce sempre nelle emergenze umanitarie. È necessario stabilire una soluzione europea, ordinata e di supporto, che coniughi la sfida della migrazione con i valori del progresso e dell’umanesimo dell’Ue”. Così su Twitter il premier spagnolo Pedro Sanchez, offrendo un approdo sicuro alla nave della Ong.

Poco dopo, però, quattro migranti hanno tentano di raggiungere l’isola a nuoto, dopo essersi gettati in mare indossando giubbotti salvagente. Tre soccorritori si sono tuffati e, dopo averli raggiunti, li hanno riportati a bordo dell’imbarcazione. “Non riusciamo più a contenere la disperazione. Non riusciamo più a spiegare. Le parole mancano. Siete dei vigliacchi”, hanno scritto su Twitter i responsabili della Ong. L’offerta della Spagna è stata comunque respinta: “Dopo 26 giorni di missione, 17 in attesa con 134 persone a bordo, un ordine del tribunale a favore e 6 paesi disposti a ospitare, volete che navighiamo per 950 miglia, circa 5 giorni in più, verso Algeciras, il porto più lontano del Mediterraneo, con una situazione insostenibile a bordo?”, dice il fondatore di Open Arms, Oscar Camps.

Indaga la Procura di Agrigento

Oggi, intanto, c’è attesa per gli sviluppi dell’inchiesta della Procura di Agrigento che indaga per sequestro di persona e violenza privata. Si attendono gli esiti dell’ispezione seguita ieri sera, e terminata poco prima delle 22, dal medico della Sanità marittima con gli uomini della Squadra mobile e della Guardia costiera. Per ora, ma il quadro potrebbe mutare in giornata, l’inchiesta è contro ignoti.

Salvini cede quindi a Conte dopo l’ultima lettera arrivata da Palazzo Chigi. “Do mio malgrado disposizioni affinché non vengano frapposti ostacoli” allo sbarco dei minorenni. Così il ministro dell’Interno, che parla però di “precedente pericoloso” e fa sapere che già 8 in realtà si sono dichiarati maggiorenni. Altri 57 migranti intanto sono giunti a Lampedusa dopo che erano stati avvistati su un barcone davanti l’isolotto di Lampione. Sconfessato dal vescovo un prete che nel Frusinate sosteneva Salvini criticando i soccorsi in mare.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it