Aggiornato alle: 10:57

Ministero della Giustizia: selezione di 616 operatori giudiziari con licenza media

di Redazione

» Lavoro » Ministero della Giustizia: selezione di 616 operatori giudiziari con licenza media

Ministero della Giustizia: selezione di 616 operatori giudiziari con licenza media

| giovedì 10 Ottobre 2019 - 15:35
Ministero della Giustizia: selezione di 616 operatori giudiziari con licenza media

Il Ministero della Giustizia ha indetto una selezione, mediante avviamento degli iscritti ai Centri per l’impiego, per l’assunzione di 616 operatori giudiziari da inserire presso gli uffici giudiziari delle seguenti regioni: Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto. Non sono richieste capacità particolari, basta il possesso della licenza media.

Ministero della Giustizia: selezione di 616 operatori giudiziari con licenza media

Gli altri requisiti che i candidati devono possedere sono: eta’ non inferiore ai diciotto anni; cittadinanza italiana; idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni; qualità morali e di condotta; godimento dei diritti civili e politici; non essere stati esclusi dall’elettorato attivo; non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione; non aver riportato condanne penali; avere una posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari etc.

Le prove di partecipazione consistono in un colloquio e in una prova pratica di idoneità, che verte ad accertare la capacità di riordinare fascicoli cartacei e a verificare l’uso del computer e dei sistemi informatici come l’utilizzo di programmi di videoscrittura, della posta elettronica e l’utilizzo di internet.

La selezione si svolge presso le Corti di appello al cui distretto appartengono le sedi delle diverse regioni. Entro trenta giorni dalla data dell’avviso nella Gazzetta Ufficiale la Direzione generale del personale e della formazione del Ministero della giustizia inoltra alle competenti amministrazioni regionali la richiesta di avviamento a selezione di un numero di lavoratori pari al doppio dei posti da ricoprire.

Le amministrazioni regionali trasmetteranno alle Corti di appello competenti per territorio gli elenchi dei nominativi dei lavoratori avviati alla selezione indicando il codice fiscale, l’indirizzo di residenza (o un indirizzo diverso da quello di residenza presso il quale ricevere eventuali comunicazioni), un indirizzo e-mail o un recapito telefonico.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it