Aggiornato alle: 14:05

Studio del Mit, un peptide sperimentale potrebbe bloccare Covid-19

di Stanislao Lauricina

» Salute » Studio del Mit, un peptide sperimentale potrebbe bloccare Covid-19

Studio del Mit, un peptide sperimentale potrebbe bloccare Covid-19

| mercoledì 08 Aprile 2020 - 16:42
Studio del Mit, un peptide sperimentale potrebbe bloccare Covid-19

Nella speranza di sviluppare un possibile trattamento per il Covid-19, un team di chimici del MIT ha progettato un candidato al farmaco che ritengono possa bloccare la capacità dei coronavirus di entrare nelle cellule umane.
Lo riporta un comunicato pubblicato sul sito del Massachussets institute of technology.
Il potenziale farmaco è un frammento proteico breve, o peptide, che imita una proteina trovata sulla superficie delle cellule umane.

I ricercatori hanno dimostrato che il loro nuovo peptide può legarsi alla proteina virale che i coronavirus usano per entrare nelle cellule umane, potenzialmente disarmandolo.

“Abbiamo un composto di piombo che vogliamo davvero esplorare, perché, in effetti, interagisce con una proteina virale nel modo in cui abbiamo previsto che interagisca, quindi ha una possibilità di inibire l’ingresso virale in una cellula ospite”, afferma Brad Pentelute, professore associato di chimica del MIT, che guida il gruppo di ricerca.

Il team del MIT ha riportato i suoi primi risultati in una prestampa pubblicata su bioRxiv , un server di prestampa online, il 20 marzo. Hanno inviato campioni del peptide a collaboratori che intendono eseguire test nelle cellule umane.
La ricerca, precisa la nota del MIT, non è stata ancora rivista da esperti scientifici o medici. Non è ancora il caso di gridare “Eureka”.
Intanto, i ricercatori hanno già inviato il loro peptide di 23 aminoacidi originale a un laboratorio di ricerca presso la Icahn School of Medicine sul Monte Sinai per test su cellule umane e potenzialmente su modelli animali di infezione da Covid-19.

Un vantaggio di tali farmaci è che sono relativamente facili da produrre in grandi quantità. Hanno anche una superficie maggiore rispetto ai farmaci a piccole molecole.

“I peptidi sono molecole più grandi, quindi possono davvero aggrapparsi al coronavirus e inibire l’ingresso nelle cellule, mentre se si utilizzava una piccola molecola, è difficile bloccare l’intera area utilizzata dal virus”, afferma Pentelute. “Gli anticorpi hanno anche un’ampia superficie, quindi potrebbero anche rivelarsi utili. Questi richiedono solo più tempo per essere prodotti e scoperti. ”

Uno svantaggio dei farmaci peptidici è, invece, che in genere non possono essere assunti per via orale, quindi dovrebbero essere somministrati per via endovenosa o iniettati sotto la pelle. Dovrebbero anche essere modificati in modo da poter rimanere nel flusso sanguigno abbastanza a lungo per essere efficaci, su cui sta lavorando anche il laboratorio di Pentelute.

“È difficile prevedere quanto tempo ci vorrà per poter testare qualcosa nei pazienti, ma il mio obiettivo è avere qualcosa nel giro di poche settimane. Se risulta essere più impegnativo, potrebbero essere necessari mesi ”, afferma.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820