Aggiornato alle: 18:54

Ucraina, plebiscito per la separazione | Il referendum dei filorussi si chiude: 95% per il sì

di Alessia Bellomo

» Dal mondo » Ucraina, plebiscito per la separazione | Il referendum dei filorussi si chiude: 95% per il sì

Ucraina, plebiscito per la separazione | Il referendum dei filorussi si chiude: 95% per il sì

| lunedì 12 Maggio 2014 - 08:36
Ucraina, plebiscito per la separazione | Il referendum dei filorussi si chiude: 95% per il sì

Il controverso referendum separatista nelle regioni russofone di Donetsk e Lugansk in Ucraina si è chiuso con un vero e proprio plebiscito in favore della secessione: i filorussi sono riusciti a organizzare una votazione contro il governo di Kiev, definito “fascista” e il prodotto della rivoluzione “filo-occidentale”. Il risultato dunque non è sorprendente: il 95,98%%  dei votanti ha preferito l’indipendenza e l’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk.

L’affluenza alle urne è stata altissima, secondo i separatisti: domenica pomeriggio si è sfiorata quota 70%. Anche nel bacino metallurgico del Donbass che da solo vale il 20% del pil ucraino.  Il voto si è svolto in un clima di calma: tremila seggi per circa 5 milioni di elettore A Mariupol e Sloviansk c’erano lunghe code per votare, in altri luoghi i seggi erano semideserti. In una città di Lugansk, Svatove, il sindaco Ievgheni Ribalko si è rifiutato di organizzare la consultazione nonostante alcuni gruppi armati lo minacciassero.

In realtà è impossibile verificare la reale affluenza e i risultati di questo voto, svoltosi con il coprifuoco e turbato da alcuni scontri. A Krasnoarmeisk sarebbe stato ucciso un civile. In più l’ombra delle irregolarità rende cupa tutta la situazione: secondo alcune fonti, sarebbero state contate schede già segnate prima dell’inizio della votazione.

Il voto segna un altro solco tra Ucraina e Russa ma per Kiev e l’Occidente è “illegale”: il capo della diplomazia europea Catherine Ashton e il presidente francese François Hollande hanno ribadito  che il referendum è “nullo”, mentre gli Usa avevano già minacciato la Russia alla vigilia. “Una farsa criminale organizzata e finanziata dal Cremlino”, è stata la reazione durissima di Kiev. Ma il referendum c’è stato e come sempre da mesi ormai la tensione ha raggiunto picchi elevatissimi.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it