Napoli – Lazio, le pagelle. Hamsik letale, Keita spietato. Reina rovina tutto

di Redazione

» Sport » Napoli – Lazio, le pagelle. Hamsik letale, Keita spietato. Reina rovina tutto

Napoli – Lazio, le pagelle. Hamsik letale, Keita spietato. Reina rovina tutto

| sabato 05 Novembre 2016 - 22:45
Napoli – Lazio, le pagelle. Hamsik letale, Keita spietato. Reina rovina tutto

Ecco le pagelle di Napoli – Lazio (clicca qui per leggere la cronaca), anticipo della 12esima giornata di Serie A.

NAPOLI (4-3-3): Reina 4,5; Hysaj 6,5, Chiriches 6, Koulibaly 6, Ghoulam 6; Zielinski 6,5, Diawara 6, Hamsik 8 (dal 42′ s.t. Allan s.v.); Callejon 7 (dal 36′ s.t. El Kaddouri s.v.), Mertens 6, Insigne 5 (dal 22′ s.t. Gabbiadini 6). All.: Sarri.

I MIGLIORI DEL NAPOLI:

Hamsik: Stasera ha fatto un salto nel passato, come quando quasi ogni sua entrata in area finiva con un gol. Si muove benissimo tra le linee e attacca gli spazi con la cattiveria giusta, il tocco in occasione del gol è da centravanti consumato per lui che è il centrocampista più attaccante di questo campionato.

Callejon: La solita freccia spagnola. Fa l’esterno d’attacco, mettendo dentro una serie di palloni invitantissimi, ma anche il terzino aggiunto all’evenienza, dal momento che non si contano le rincorse all’indietro per andare a dare una mano dalle parti di Reina.

I PEGGIORI DEL NAPOLI:

Reina: Ma che combina? Non è un’esagerazione dire che rovina tutto, perché sul gol di Keita, che non calcia né fortissimo né angolato, il portiere del Napoli poteva e doveva fare meglio, visto che la conclusione tra l’altro era anche sul suo palo.

Insigne: Non è proprio periodo per lui. Il gol manca ormai da tanto, troppo tempo, e di giocate positive se ne contano a stento sulle dita di una mano. Nella ripresa Sarri lo toglie per dare spazio a Gabbiadini: almeno stavolta Lorenzo non ha fatto tante storie per la sostituzione.

LAZIO (3-5-2): Marchetti 7; Basta 6, Wallace 6, Radu 6,5; Felipe Anderson 6, Parolo 6,5, Biglia 6, Milinkovic-Savic 6, Lulic 6 (dal 33′ s.t. Patric s.v.); Keita 7,5 (dal 38′ s.t. Djordjevic s.v.), Immobile 6,5 (dal 42′ s.t. Lombardi s.v.). All.: S. Inzaghi.

I MIGLIORI DELLA LAZIO:

Keita: Quando vede la porta sa essere spietato come pochi in questa Serie A. Ci mette pochissimo a rispondere al vantaggio di Hamsik: non segna un grandissimo gol, anzi è fortunato perché trova la complicità di un Reina un po’ troppo insicuro, ma ci ha provato ed è stato ripagato.

Marchetti: Nel momento di maggior pressione del Napoli si esalta con tante parate importanti in serie. Se la coraggiosa Lazio di Inzaghi è riuscita a portare via un punto dal ‘San Paolo’, gran parte del merito va al suo portiere.

Immobile: Fa soffrire da matti i difensori del Napoli, che specialmente nel primo tempo faticano a stargli dietro. Si muove tantissimo e si rende pericoloso più volte in situazione di contropiede, con almeno un paio di chiare occasioni da gol che però non concretizza, forse perché troppo stanco al momento del ‘dunque’.

I PEGGIORI DELLA LAZIO:

Nessun giocatore della Lazio sotto la sufficienza.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820