L’Albania chiede scusa all’Italia: “Quello che è accaduto a Palermo è inaccettabile”

di Redazione

» Sport » L’Albania chiede scusa all’Italia: “Quello che è accaduto a Palermo è inaccettabile”

L’Albania chiede scusa all’Italia: “Quello che è accaduto a Palermo è inaccettabile”

| domenica 26 Marzo 2017 - 15:04
L’Albania chiede scusa all’Italia: “Quello che è accaduto a Palermo è inaccettabile”

A due giorni dai brutti fatti accaduti a Palermo, allo stadio Renzo Barbera nel corso della partita Italia-Albania con protagonisti in negativo i tifosi ospiti la Federazione albanese ha chiesto ufficialmente scusa all’Italia.

Il comunicato inviato alla Federazione italiana: “La Federazione è completamente contro questo tipo di comportamento antisportivo e allo stesso tempo esprime alla squadra, ai colleghi, ai tifosi e ai cittadini italiani le sue più sincere scuse per questi incidenti, garantendo che questi episodi isolati non potranno mai minare le relazioni amichevoli tra italiani e albanesi.

E’ stato un atto antisportivo. Questi atti estremi dal gruppo ‘Illyrian Elite’ non hanno niente a che vedere con gli eccellenti tifosi albanesi. L’episodio nel settore di tifosi appartenenti a questo gruppo hanno violato l’immagine dei nostri magnifici fan che hanno sempre sostenuto la nazionale, diventando il dodicesimo giocatore per la squadra. La Federazione è completamente contro questo tipo di comportamento antisportivo e allo stesso tempo esprime alla squadra, ai colleghi, ai tifosi e ai cittadini italiani le sue più sincere scuse per questi incidenti, garantendo che questi episodi isolati non potranno mai minare le relazioni amichevoli tra italiani e albanesi.

Noi, I TIFOSI ALBANESI, – conclude il comunicato –  siamo i più pacifici in Europa e ovunque siano andati gli albanesi ci sono sempre state celebrazioni. La Federazione Albanese, prendendo le distanze da queste azioni inaccettabili, ha deciso di non dare o distribuire biglietti per lo stadio ai membri dell’Illyrian Elite che danneggiano l’immagine che i tifosi albanesi si sono creati durante lo scorso campionato europeo. Nessuno può macchiare questa immagine, né ora, né mai. L’onore e il buon nome dell’Albania e degli albanesi valgono più di qualsiasi altra cosa”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820